Pagelle Genoa-Inter, Lukaku è un trattore, Lautaro non incide. ​Schone entra e si perde

Sabato 25 Luglio 2020 di Marco Callai

 Le pagelle di Genoa-Inter

GENOA

Perin 6: incolpevole sui gol
Zapata 5: Lukaku è incontenibile e gli fa vivere una serata da incubo.
Romero 5,5: alla mezz’ora è determinante nel chiudere a Lautaro la strada verso a porta. Non riesce a contenere la marcia trionfale di Lukaku verso la porta per lo 0-3 finale
Goldaniga 5,5: bene anche lui per 80 minuti, prima di entrare in crisi insieme a tutta la retroguardia
Ankersen 6: miracoloso al 70’ quando praticamente sulla riga anticipa Borja Valero
Rovella 6: affronta la partita contro un avversario fortissimo con determinazione e grande impegno
Behrami 5,5: gli manca la giusta velocità in una partita dove va compensata la forza fisica dell’Inter
(Schone 5,5: la musica non cambia con il suo ingresso a inizio ripresa)
Jagiello 6: vicino al gol su punizione
Criscito 5: perde il confronto con Moses, un pericolo costante sulla sua fascia. Nel terzo gol si fa saltare troppo facilmente
Favilli 5,5: incapace di pungere o creare difficoltà ai difensori dell’Inter (Pandev 6: meglio di Favilli ma comunque rendimento non pari alle occasioni in cui parte dall’inizio)
Pinamonti  6: bel duello fisico con Ranocchia, non lo vince ma nemmeno lo perde
All.: Nicola 5,5: lascia respirare alcuni dei protagonisti della vittoria del derby, 80 buoni minuti difensivi ma per bucare quest’Inter serviva altro
 

 

INTER
Handanovic 6: per larghi tratti del match spettatore non pagante
Skriniar 6: prestazione senza infamia e senza lode, Conte lo toglie a metà ripresa (D’Ambrosio 6: entra con sufficiente determinazione, spinge anche in fase offensiva)
Ranocchia 6,5: bella partita dal punto di vista della solidità, contrasta bene Pinamonti
Godin 6: commette qualche leggerezza ma si riprende sempre
Moses 6,5: le sue accelerazioni sono devastanti, già al 15’ Criscito deve aggrapparsi alla maglia per evitare che raggiunga la porta, Lo stesso Criscito viene “bevuto” all’83’ prima del raddopp
Brozovic 6: troppo discontinuo ma il suo compitino lo sbriga bene
Gagliardini 5,5: troppi errori per arrivare alla sufficienza anche se gioca con generosità
Biraghi 6,5: da un suo perfetto cross a rientrare nasce il gol di testa di Lautaro
Eriksen 5,5: sempre nel vivo dell’azione ma alla mezz’ora si divora un gol a pochi passi da Perin (Borja Valero 6: il suo ingresso conferisce maggiore equilibrio di squadra
Lukaku 7,5: solito contributo fondamentale dal punto di vista della fisicità, al 34’ vola in cielo per batter di testa Perin. Eccezionale il contropiede del 3-0.
Lautaro 5,5: non riesce a incidere come vorrebbe (Sanchez 7: si fa trovare nel momento giusto al posto giusto)
All.: Conte 7: tiene alta la concentrazione della squadra, bene anche i cambi

© RIPRODUZIONE RISERVATA