Spalletti: «Cristiano Ronaldo? non ci sono trattative. Osimhen è forte, per lui c'è sempre mercato»

Il tecnico, alla vigilia della sfida contro la Fiorentina, parla anche della possibile partenza di Osimhen: "Col mercato aperto ci sono sempre possibilità"

Spalletti: «Cristiano Ronaldo? Sarebbe un onore allenarlo, ma è inutile portare avanti questo discorso»
Spalletti: «Cristiano Ronaldo? Sarebbe un onore allenarlo, ma è inutile portare avanti questo discorso»
di Pasquale Tina
3 Minuti di Lettura
Sabato 27 Agosto 2022, 15:39 - Ultimo aggiornamento: 22:07

NAPOLI – Cristiano Ronaldo al Napoli è l’argomento caldo. E Luciano Spalletti non può certo esimersi dal confrontarsi con la suggestione che sta animando le ultime ore di mercato degli azzurri: “Chiunque vorrebbe allenarlo. È un campione assoluto, può giocare in qualsiasi posizione, ma dobbiamo essere realisti. Ho parlato con De Laurentiis e non c’è alcuna trattativa con il Manchester United per Osimhen, quindi pensiamo alla sfida di domani contro la Fiorentina. Victor dovrà essere protagonista”. Eppure rischia di essere ‘distratto’ dalle voci: “Col mercato aperto, ci sono sempre possibilità per un campione come Osimhen, dobbiamo convivere con questa situazione”.

I tifosi non sembrano convinti da tale opzione: “Ripeto, è inutile portare avanti questo discorso. Non sarebbe neanche uno scambio. Dobbiamo pensare soltanto al match  contro i viola”. Il coefficiente del match sarà davvero alto: “Italiano ha dimostrato di saper fare bene il suo lavoro, l’anno scorso ci ha messo in difficoltà vincendo addirittura due volte. Noi dobbiamo avere un approccio importante dal punto di vista fisico. Evitiamo le distrazioni che l’anno scorso ci sono costate dei risultati”. Spalletti si confronta ancora con il mercato: “Sono ovviamente soddisfatto, poi potrebbero esserci delle novità sia in entrata che in uscita. È così quando il mercato è ancora aperto. Fabian? Qualcosina ce la siamo detta, ovviamente non è felice della situazione”.

LA FORMAZIONE. Spalletti potrebbe confermare la formazione delle prime due partite, ma non esclude qualche novità: “Raspadori si è allenato bene con il Sassuolo ed è in condizione di essere scelto. Ndombele? I dati dell’amichevole contro la Juve Stabia hanno confermato la sua crescita. È un centrocampista che ha velocità di pensiero, ci sarà molto utile nel corso di questa stagione. I miei ricordi di Firenze? Andavo in curva, ho tanti amici in città e quindi sarà una sfida molto emozionante per quanto mi riguarda”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA