Leicester-Roma, stasera l'andata per il sogno finale. Mourinho: «Abbiamo faticato, conta solo vincere»

Abraham chiama Zaniolo: «Con lui sono me stesso»

Giovedì 28 Aprile 2022 di Alessandro Angeloni
Leicester-Roma, stasera l'andata per il sogno finale. Mourinho: «Abbiamo faticato, conta solo vincere»

dal nostro inviato
LEICESTER Aeroporto di Fiumicino, vigilia dell'andata della semifinale di Conference League, il gate per imbarcarsi verso Londra, prima tappa prima del trasferimento a Leicester, è aperto: partono i primi tifosi giallorossi, con un bagaglio di sogni dopo una lunga astinenza. Al fianco, a cinque metri di distanza, un altro gate: direzione Tirana. Come un gioco del destino, come un segnale, un auspicio: lì, in quei pochi metri, l'ultimo pezzo di strada che la Roma deve percorrere per andarsi a giocare la finale. Stasera c'è da superare le Volpi, che nel 2016 hanno stupito tutti per la grande cavalcata in Premier, che ha portato il titolo firmato Claudio Ranieri. Ma oggi è un altro Leicester, non c'è Mahrez, non c'è Kante, c'è un Vardy più grigio e acciaccato e che non ha i novanta minuti nelle gambe.

 

Roma, per la Conference Mourinho si affida a Smalling e Mkhitaryan: nel 2017 i due veterani vinsero insieme l'Europa League

 

C'è José Mourinho da quest'altra parte, la garanzia, l'uomo di coppa. Per lui è un gradito ritorno in Inghilterra dopo le esperienze vincenti con Chelsea, United e Tottenham, per lui è l'occasione di poter vincere per primo la neonata coppa. Il Leicester lo conosce, conosce bene il suo allenatore e allievo, Brendan Rodgers. Otto le vittorie contro le Foxes su undici partite, stasera c'è la prova del nove per Mou. Quella più importante, quella da ricordare. Su José sono aggrappate le speranze della Roma (terza semifinale negli ultimi cinque anni), lui che di vittorie (intese come trofei) ne ha masticate tante, venticinque. E Lo Special si aggrappa - tra gli altri - a Tammy Abraham, capocannoniere di coppa - insieme con Cyriel Dessers del Feyenoord - con otto gol, a lui che alle Foxes non ha mai segnato.


OLIVEIRA O NICOLÒ
La Roma è pronta, insomma. Ci sono tutti. Dan Friedkin scruta l'allenamento a Trigoria, l'ultimo, prima di imbarcarsi per l'Inghilterra. A Leicester tutti si chiedono se Zaniolo sarà o meno della partita, José fa melina e non risponde: è il grande dubbio. Rilanciare i ragazzi di Roma-Bodø, quindi con Nicolò, oppure adottare una tattica più conservativa, con Oliveira in mezzo e il golden boy in panchina?

Leicester-Roma, Castagne (ex Atalanta): «Sarà durissima, stiamo attenti a Zaniolo»

 

Al di là della formazione, Tirana è alla portata, vietato distrarsi sul più bello e il bello oggi per Mou e Abraham è tornare in terra inglese e pensare di giocarsi una coppa che vale tanto (25 milioni in totale) anche per le avversarie che sono arrivate in semifinale: con la Roma e Leicester, ci sono Marsiglia e Feyenoord. Non proprio una coppetta. In fondo basterebbe non affondare al King Power Stadium, consapevoli che nel ritorno all'Olimpico ci sarà la solita bolgia dei settantamila. «ma noi vogliamo vincere qui. E' una coppa importante, è anche una strada per l'Europa League. E' un momento duro, ma pieno di motivazioni», le parole di Mourinho. Che ora ci crede. «Meritiamo la finale, ma dobbiamo battere una squadra forte con buoni giocatori e un ottimo allenatore. Lo stadio sarà bellissimo, qui c'è grande empatia. Dobbiamo realizzare il sogno di arrivare in finale. Devo ammettere che nella mia lunga carriera questa battaglia è davvero unica. E' la mia competizione e l'abbiamo pagata lasciando punti in campionato. Quindi, vale la pena arrivare fino in fondo e vincere. Se non si arriva in finale è come se avessimo fatto poco». Un pensiero special va a Ranieri, eroe di queste parti. «Molti allenatori in Premier hanno vinto titoli, ma quello che ha vinto Claudio è il più speciale di tutti. Qui è un mito, per lui sarà un'emozione speciale».

Zaniolo, l'asso di coppa aspetta la Conference. Totti: «Nicolò, continua così»

 

Mourinho e Tiago Pinto, inoltre, hanno posato dei fiori davanti alla statua di Vichai Srivaddhanaprabha, il presidente del Leicester morto nel 2018 in un incidente in elicottero. Emozione speciale anche per Abraham, che un giorno tornerà in Premier: nell'esperienza al Chelsea non sentiva la fiducia di Tuchel. I tifosi della Roma si augurano che quel giorno sia molto lontano. «Ora sto bene qui, sono nato in Inghilterra ma sono concentrato sul finire bene la stagione, l'unico pensiero è battere il Leicester». Specie per lui, ancora a secco contro le Foxes: l'inglese chiede aiuto a Zaniolo. «Con Nicolò ci capiamo. Giocare con lui mi leva pressione, sono più libero e più me stesso. E' la partita perfetta per vincere e fare gol». E staccare mezzo biglietto per Tirana. Il gate è già aperto. Serve la carta d'imbarco.
 

 

Ultimo aggiornamento: 08:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA