Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Inter, Inzaghi cerca il primo acuto in Europa: «Gara importante, ma non è decisiva»

Le dichiarazioni di Simone Inzaghi nella conferenza stampa alla vigilia del match di Champions League contro il Viktoria Plzen

Inter, Inzaghi cerca il primo acuto in Europa: «Gara importante, ma non è decisiva»
di Salvatore Riggio
2 Minuti di Lettura
Lunedì 12 Settembre 2022, 19:54 - Ultimo aggiornamento: 13 Settembre, 15:13

Dopo aver ritrovato la vittoria in campionato (1-0 al Torino), l’Inter prova a fare lo stesso in Champions in casa del Viktoria Plzen. Simone Inzaghi vuole continuità prima della sosta: «È una squadra forte fisicamente, che abbiamo visto e studiato nelle due partite con Qarabag e Barcellona. Ha costruito questo ingresso nei gironi di Champions in questo stadio, davanti ha giocatori importanti come Chory, Mosquera, Sykora», le parole del tecnico nerazzurro. E ancora: «Indubbiamente, è una partita importante. Sappiamo di essere capitati nel girone più difficile di tutta la Champions, ma vogliamo giocarcelo.

L’esordio non è stato il migliore, ci abbiamo provato ma il Bayern è stato migliore di noi. Ora sappiamo che questa partita ci porterà delle insidie, ma vogliamo affrontarla nel migliore dei modi. Se la considero già decisiva? «Ne mancano ancora quattro e direi probabilmente no, però sappiamo l’importanza che ha e che 10 punti per passare un girone devi farne nove volte su dieci. L’anno scorso siamo stati bravi a farli, quest’anno sappiamo che il girone è più competitivo».

Un grande dubbio: chi ci sarà tra i pali tra Handanovic e Onana? Inzaghi non lo ha chiarito: «Ho deciso, ma in questo momento non mi va di dirlo, non lo sanno ancora i giocatori perché abbiamo avuto solo un allenamento. Stamattina abbiamo potuto lavorare al video, poco sul campo. Domattina avremo la riunione tecnica e per primo è giusto che lo sappiano loro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA