Zampaglione e Tiromancino al via
da Cagli: «Marche, energia positiva»

Zampaglione e Tiromancino
al via dal teatro di Cagli
«Marche, energia positiva»
di Marco Chiatti
CAGLI – Le loro canzoni sono fra le più ascoltate in radio. Il loro sound scorre gradevole mentre la macchina macina chilometri. Le parole delle loro canzoni entrano dentro. E spesso ci restano. Così i Tiromancino arrivati ormai a 20 anni di carriera ripartono dalle Marche con la loro nuova avventura musicale.

Dopo il successo sul palco di Piazza San Giovanni a Roma che li ha visti tra i protagonisti del concerto del Primo Maggio, Zampaglione e compagni sono pronti a partire con un nuovo tour con cui tornano sui più prestigiosi palchi italiani per presentare, dal vivo, il nuovo lavoro discografico “Nel respiro del mondo” uscito lo scorso 8 aprile e già considerato, dalla critica, come uno degli album più interessanti degli ultimi anni e uno dei migliori lavori della band capitanata da Federico Zampaglione. 

L’uscita del nuovo e attesissimo disco è stata anticipata dal singolo “Piccoli Miracoli” che è da settimane ai vertici delle classifiche radio airplay, download e streaming. Il video, scritto e diretto da Federico Zampaglione, ha raggiunto in pochissimo tempo 1 milione di visualizzazioni su youtube e il regista Luca Lucini ha scelto il brano come soundtrack del film “Nemiche per la pelle” con Claudia Gerini e Margherita Buy.

Il 13 maggio i Tiromancino si esibiranno al teatro Comunale di Cagli per la data zero del tour che debutterà poi il 28 maggio a Scandiano.
Federico Zampaglione (voce/chitarra) sarà accompagnato, sul palco, da: Francesco Stoia (basso), Marco Pisanelli (batteria), Antonio Marcucci (chitarra elettrica) e Fabizio Verdini (tastiere).

Come mai avete scelto le Marche per questa partenza del vostro tour?
È una regione con un'energia molto positiva e accogliente, ideale per un debutto. Poi molti tecnici del nostro team sono delle Marche.

Che concerto possiamo aspettarci e cosa racconterete in giro per l’Italia con questa nuova tournée?
Un concerto nuovo di zecca, curatissimo in ogni dettaglio sia musicale che scenografico. Il nuovo ed il vecchio repertorio si fonderanno in un susseguirsi di emozioni. Stiamo lavorando per unire i pezzi storici al nuovo repertorio e per preparare quello sarà il concerto e lo spettacolo più coinvolgente di sempre.

Vent'anni di carriera alle spalle, c'è ancora l'entusiasmo degli inizi? E soprattutto, qual è il bello della maturità artistica?
L'entusiasmo è ancora tutto qui, ma ora c'è anche tanta esperienza e il repertorio è davvero pieno di canzoni importanti e molto amate dalla gente e questo fattore fa la differenza.

Qual è la situazione della musica italiana, fra web, talent, dischi che non vendono e musica liquida?
La situazione che citi è mondiale ma bisogna impegnarsi ancora di più per cercare di tenere alta la qualità di dischi e live. Solo cosi si puó andare avanti.

Ma la musica è ancora tutt'oggi un punto di ripresa nel momento così critico in generale della nostra Italia?
La musica è e resterà sempre la musica. Non si puó vivere senza.
Infine, qualche ricordo, aneddoto legato alla nostra regione, le Marche, dove è venuto spesso anche in vacanza, tipo la scorsa estate a Civitanova…
Una bella estate bella passata con amici cari ...mentre il nuovo album prendeva forma. E’ stata senza dubbio una buona ispirazione.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 10 Maggio 2016, 18:43 - Ultimo aggiornamento: 10-05-2016 18:43

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO