Malika Ayane sfida gli haters
«Il vostro linguaggio è violenza»

Domenica 13 Ottobre 2019
X Factor, Malika Ayane sfida gli haters: «Il vostro linguaggio è violenza»
Prima la contestazione del pubblico in studio, poi gli insulti degli haters sui social: la scelta di Malika Ayane, che ha deciso di escludere Michele Sette dalla sua squadra a X Factor (Under uomini), ha fatto molto discutere. In molti, però, sono andati oltre, riservando alla cantante italo-marocchina una lunga serie di insulti dalle sfumature razziste e sessiste. La maggior parte del pubblico di X Factor non ha apprezzato la scelta di Malika Ayane. La decisione di escludere Michele Sette non è andata giù ai tanti appassionati del talent show di Sky e in molti lo hanno fatto notare direttamente alla cantante e coach. In poco tempo, però, sotto alcuni post di Malika Ayane sono apparsi diversi insulti. Una cosa è portare delle critiche argomentate, altra cosa insultare i personaggi pubblici che fanno il proprio dovere. Il non essere d'accordo con qualcuno non implica alcuna autorizzazione all'insulto.

X Factor, Malika Ayane agli haters: «Siate più responsabili»




X Factor, torna Nuela e il suo "Ti voglio al mio funerale" lo porta a Berlino

Oltre a parole volgari e frasi sessiste, non manca la dietrologia sull'esclusione di Michele Sette: «Siccome è magrebina, deve fare l'alternativa e quindi manda via l'unica persona di colore». Una pioggia di accuse e insulti che non è andata giù a Malika Ayane, che su Instagram non ha esitato a sfogarsi e a invitare i follower ad un comportamento più responsabile. «Il livello di linguaggio e di pensiero è basso e violento, inaccettabile. Non si tratta di orgoglio ferito, ma di delusione perché molti ancora confondono la critica con l'offesa. Le sole parole che si possono utilizzare con leggerezza sono quelle d'amote, per le altre vi consiglio di ragionare con calma e sceglierle con cura» - ha scritto Malika Ayane - «Sono una donna adulta e strutturata, quindi vi concedo di sentirvi paladini della giustizia per avermi chiamata "cogliona" o "puttana razzista". Se al mio posto ci fosse stata una persona fragile, avreste potuto fare dei danni. Siate più responsabili, siate l'esempio positivo». Ultimo aggiornamento: 19:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA