Dal santuario di Macereto a Visso nel cuore dei Sibillini, una escursione di 15 chilometri da non perdere

Il sentiero nei pressi di Visso
Il sentiero nei pressi di Visso
di Saverio Spadavecchia
3 Minuti di Lettura
Martedì 31 Agosto 2021, 08:39

VISSO - Nel cuore delle Marche, nel cuore della spiritualità e dei monti che rendono preziosi i Sibillini. Escursione che affronterà il cuore di una regione ferita dal sisma del 2016. 
La partenza è dal santuario di Macereto complesso religioso che sorge ad un’altezza di circa 1.000 metri sul livello del mare sull’altipiano omonimo del versante occidentale dei Monti Sibillini, ed è stato dichiarato monumento nazionale nel 1902. Si tratta di una delle maggiori espressioni dell’architettura rinascimentale del ‘500 nelle Marche.

 

Fu realizzato nel 1529, al posto di una precedente chiesetta del 1359, da Giovan Battista da Lugano probabilmente su progetto di Bramante e terminata successivamente nel 1556 sotto la guida di Filippo Salvi da Bissone. Dopo aver ammirato l’area e l’ambiente che rendono unico il santuario, la strada da percorrere è piuttosto semplice, ma non per questo da sottovalutare. È infatti piuttosto lungo il percorso che porterà a Visso, che necessità comunque di una buona preparazione fisica e di abbigliamento (scarpe comprese) adatto.
Il sentiero da e per il Santuario di Macereto non particolari grandissime difficoltà per chi è abituato a vivere con rispetto la natura. L’itinerario da Macereto a Visso segue il tratto di quella che fu l’antica via Laureatana, capace di unire il Regno di Napoli a Loreto passando nei pressi della valle del Chienti. Durante il percorso si possono ammirare panorami unici, con lo sguardo che verrà catturato dalle vette del monte Bove nord e sud, compra una bella visuale dall’alto nei confronti di Ussita. Attenzione al periodo per affrontare l’escursione, perché è consigliabile infatti affrontare i chilometri previsti entro la fine di settembre, per evitare la possibile instabilità dei mesi autunnali o invernali. Fortemente consigliato studiare le condizioni atmosferiche per evitare improvvisi cambi nel corso della giornata.
Il percorso di andata e ritorno si sviluppa per 15 chilometri circa. È possibile seguire due sentieri segnati e in evidenza. Il percorso infatti si snoda lungo i sentieri 306 (per la prima tratta) e il 307, che segna nei pressi di Ussita la svolta decisiva verso il punto di arrivo fissato a Visso a poca distanza dalla località Colle della torre. Il percorso termina nelle immediate vicinanze del cuore ferito di Visso, lesionato dal sisma del 2016. Dal punto di arrivo è possibile riprendere la strada per ritornare a Macereto, luogo di partenza dell’escursione da concludere in circa 6 ore complessiva. C’è anche una interessante alternativa al ritorno, perché è possibile compiere un percorso ad anello proseguendo dal punto di arrivo fino al santuario di Macereto proseguendo lungo la prima parte del Grande Anello dei Sibillini, che vi condurrà ancora nei pressi del santuario.

© RIPRODUZIONE RISERVATA