Raffaello Theatrum a Urbino con la Form e Max Paiella

Martedì 11 Agosto 2020
Il mattatore Max Paiella

URBINO - Si inaugura l'11 agosto La Festa del Duca, quest'anno dedicata a Raffaello Theatrum, che proprio in questi giorni con orgoglio della presidente dell'Ars, Francesca Crespini, organizzatrice della manifestazione, ha avuto l'alto riconoscimento del Comitato Nazionale delle Celebrazioni Raffaellesche.
Tra gli appuntamenti più significativi in programma due prime nazionali: questa sera alle 21, in piazza Rinascimento, si terrà il concerto inaugurale del festival: “Raphael, Sinfonia N.1”, prima esecuzione dell’opera del maestro/direttore urbinate Michele Mangani, commissionata dall’Ars per le celebrazioni, eseguita dalla Form Orchestra Filarmonica Marchigiana.

Il 12 agosto, in piazza Rinascimento (sempre ore 21), è in programma l'evento clou di Raffaello Theatrum: “Vita, Amori e Morte di Raphael Urbinas”, (evento sostenuto dalla SVIM Marche) che vede protagonisti Max Paiella &  Gagliano String Quartet, interpreti dello spettacolo tratto dal celeberrimo saggio di Giorgio Vasari (1511-1574), dalla biografia di  Jean-Marie-Vincent Audin e dalle poesie scritte da Raffaello. Un’affabulazione da parte dell’attore del “Ruggito del Coniglio” che in scena illustrerà alcune emblematiche opere del Maestro. Forse non tutti sanno che Max Paiella proviene dall’Accademia di Belle Arti: «Visti i miei studi artistici - ha commentato - è per me un grande onore poter interpretare queste letture su Raffaello per il cinquecentenario dalla sua morte, soprattutto nella sua città natale». L’accompagnamento al testo è stato affidato al Gagliano String Quartet (Carlo Dumont e Sergio Carnevale, violini, Luciano Barbieri, viola, Manuela Albano, violoncello), uno dei massimi complessi mozartiani in Europa, che eseguiranno il “Requiem in re minore K. 626” di W.A.Mozart (nella trascrizione filologica per archi di Peter Lichtenthal) opera incompiuta che coincide, come per Raffaello, con la breve vita dei due artisti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA