Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Martelli, l'erede artistico di Fo, nello show “Il naso del Duca” racconta il vero volto di Federico da Montefeltro

Martelli, l'erede artistico di Fo, nello show Il naso del Duca racconta il vero volto di Federico da Montefeltro
Martelli, l'erede artistico di Fo, nello show “Il naso del Duca” racconta il vero volto di Federico da Montefeltro
di Elisabetta Marsigli
3 Minuti di Lettura
Sabato 13 Agosto 2022, 05:55

URBINO - Questa sera, alle ore 21 (ingresso gratuito), ritorna a Urbino un fedelissimo della Festa del Duca: Matthias Martelli con il Maestro Matteo Castellan, per proporre il testo scritto per la festa: “Il naso del Duca” in forma di conferenza d’attore, che svelerà il volto noto e quello e meno noto di Federico da Montefeltro e il significato del suo “naso”.

 
I racconti ducali
Lo spettacolo è inserito nell’ambito dei “Racconti ducali”, che si svolgono a Palazzo Ducale. Dopo lo spettacolo su Raffaello Sanzio, Martelli è ora alle prese con Federico. Per celebrare i 600 anni della nascita del Duca quello che è considerato l’erede artistico di Dario Fo, proporrà una conferenza d’attore alla sua maniera, con ironia, satira e sguardo critico. Il naso del Duca non sarà un testo biografico ma al contrario una sorta di interpretazione. «È una sorta - afferma Martelli - di racconto teatrale con le musiche del maestro Castellan. Parliamo del Duca in tutti i suoi aspetti da quelli più gloriosi a quelli più contraddittori: era un mecenate, un sovrano liberale, illuminato e guerriero, ma allo stesso tempo protagonista di congiure e sotterfugi di potere». Non distante dalla contemporaneità della politica: «diversamente da allora, oggi c’è meno amore per l’arte e la cultura dove Federico invece investiva tantissimo».

Aveva “naso” per muoversi nel suo tempo: «un naso imperfetto che, come dicevamo rispecchia la sua doppia veste: mostrerò anche il suo lato oscuro, le imperfezioni di quel naso e di quel profilo che nessuno vede nell’iconografia di Federico». È un’occasione per Matthias di tornare nella sua Urbino: « È un’occasione che mi riempie sempre di entusiasmo. Non è uno spettacolo e forse non farà una vera e propria tournée, ma ci ho lavorato tantissimo e sono felice di regalare alla mia città, che da sempre mi regala tantissimo, qualcosa che mi ha permesso di scoprire cose nuove su Urbino e anche su di me. Ne ho realizzato anche un libro, che uscirà a ottobre, perché valeva la pena di mantenere vivo il valore di questa ricerca». 
Il nuovo spettacolo 
Nel frattempo Martelli sta lavorando anche al suo nuovo spettacolo dedicato a Buscaglione: “Fred”, con la regia di Arturo Brachetti, che lo vedrà in scena con il noto trombettista Roy Paci.

© RIPRODUZIONE RISERVATA