Alba Parietti e il figlio a Domenica Live: «Con suo padre Franco è stato un colpo di fulmine, dopo due mesi ero incinta»

Domenica 1 Marzo 2020 di Valeria Arnaldi
Alba Parietti e il figlio Francesco Oppini

«È stato un colpo di fulmine con Franco». Alba Parietti, insieme al figlio Francesco, racconta a Domenica Live con Barbara D'Urso, la sua storia d’amore con Franco Oppini, padre del ragazzo che oggi a 37 anni.

LEGGI ANCHE: Wanda Nara nuda, lo scatto hot fa impazzire i fan. Ma c'è chi la insulta: «*****virus»

«Conoscevo già Jerry - dice Alba, parlando di Calà e dei Gatti di Vicolo Miracoli - ci aveva provato subito. Quando sono arrivati a Torino, mi hanno invitata a teatro, siamo finiti a tavola insieme Franco faceva un po’ il fenomeno, come d’abitudine quando doveva rimorchiare. Mi chiese a un certo punto: “Hai la macchina? Mi puoi accompagnare in albergo?”. Siamo stati in giro tutta la notte per Torino, in realtà. A me piaceva già da prima, all’epoca era una via di mezzo tra Mick Jagger e David Bowie».

Il colpo di fulmine conduce Alba e Franco rapidamente al matrimonio.
«Nasce questo amore - prosegue Alba - io rimango incinta subito, dopo due mesi. Eravamo in Sicilia. Ho deciso immediatamente che volevo chiamare il bambino Francesco. Quando l’ho detto, erano tutti perplessi. Jerry disse: “Mi pare un po’ prematuro”. Alla fine io e Franco decidiamo di sposarci. Andiamo da mio padre. i miei erano un po’ preoccupati perché all’epoca ero una ragazza esuberante. Prima gli annunciamo il matrimonio, li tranquillizziamo, mio padre era integralista, e poi gli dico: sono incinta. E mio padre, in torinese, fa: “Ah be’ sono nonno”. Il matrimonio è durato due giorni. L’autista era Jerry».
All’inizio, Alba non era “preparata” come madre e Francesco è cresciuto stando molto con la nonna. Barbara D’Urso invita la Parietti a raccontare il suo rapporto con la madre.
«Mia madre - afferma Alba Parietti - era una persona molto speciale, meravigliosa, aveva però un disturbo di personalità, non diagnosticato, suo fratello era stato rinchiuso forzatamente al manicomio di Collegno. Era una questione genetica. Mio padre per evitare che mia madre potesse essere rinchiusa come era successo a mio zio, che, uomo di una intelligenza straordinaria, era stato distrutto dalle cure dell’epoca, si arrivava alla lobotomia quasi immediata. Era ridotto come una ameba un uomo che avrebbe potuto essere un filosofo. Mia madre aveva dei disturbi di personalità simili ma non continui, aveva delle zone d’ombra in cui era un’altra persona ed era ingestibile per me e mio padre. Queste cirsi duravano a volte un giorno, a volte due. Aveva manie paranoiche, ci impediva di frequentare altre persone, poi ritornava a essere la fata che era. Mio padre è stato un grandissimo uomo. All’epoca, come diceva mio padre, se avesse fatto vedere mia madre a un medico, probabilmente la avrebbero rinchiusa. Dopo che mi sono sposata, la sua patologia si è attenuata tantissimo e dopo la morte di mio padre, ancora di più. Lei era perfettamente conscia».
Francesco non si è reso conto di questo problema: «Con me era una nonna normale, di quelle che ti viziano».
Da un amore a un altro. In studio viene fatta entrare la fidanzata di Francesco, Cristina. «Ci siamo incontrati circa una decina di anni fa - dice la ragazza - in un locale, poi c’è sempre stato un piccolo contatto di messaggi sui social, ma non ci sono state altre occasioni di vedersi. Un anno fa, ci siamo rivisti. Mi ha scritto lui. Abbiamo preso un caffè velocissimo».
«È nato tutto in modo molto naturale - aggiunge Francesco - è riuscita a prendermi in un momento di difficoltà e a prendermi la mano come se volesse accompagnarmi a stare bene, cosa che non riuscivo a fare più da un po’».
Barbara D’Urso chiede confidenze sul primo bacio.
«Il primo bacio è stato romantico - commenta Cristina - Tanto atteso. Eravamo a casa mia, anche con una sorta di imbarazzo da parte mia. Era inatteso. Non mi ero mai fatta castelli su di lui. Ho trovato una persona meravigliosa, vera e semplice».
Ad Alba Parietti la fidanzata del figlio piace molto.
«Non ha mai fatto niente per dare un dolore alla storia precedente, è una ragazza buona, semplice».
Tra tanti complimenti e dichiarazioni sentimentali, non manca qualche "frecciata" affettuosa di Francesco alla madre, sempre molto presente e spesso ansiosa. Lo spazio però si chiude all'insegna del romanticismo, con la felicità di Francesco e Cristina. 

Ultimo aggiornamento: 21:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA