Fisarmonica forza 100, stasera allo Sferisterio lo straordinario concerto con gli studenti dei Conservatori

Martedì 27 Luglio 2021 di Andrea Mozzoni
Le prove dello spettacolo che andrà in scena stasera allo Sferisterio

MACERATA - Il compositore e direttore d’orchestra Enrico Melozzi si prepara questa sera alle 21 a “occupare” lo Sferisterio di Macerata con i suoi 100 fisarmonicisti. Un numero che rimanda non a caso al cartellone del Macerata Opera Festival (100x100 Sferisterio) e che anticipa la forza dell’onda musicale che sarà portata sul palco dagli studenti provenienti da 14 Conservatori e Istituti musicali italiani coordinati da Massimiliano Pitocco.

 
La collaborazione
Un evento promosso in collaborazione con il Pif (Premio internazionale della Fisarmonica) di Castelfidardo e Pigini Fisarmoniche, azienda per la quale ricorre il 75° anniversario dalla sua fondazione. Alla presentazione non è voluto mancare il direttore generale di Banco Marchigiano Credito Cooperativo Marco Moreschi, major sponsor del Mof. Insieme ai giovani arrivati in città da tutta Italia si esibirà anche il soprano Estíbaliz Martyn per una grande serata fra Mozart, Vivaldi, Ravel, temi popolari e pop con un omaggio a Rino Gaetano.


«I ragazzi sono gasatissimi - ha affermato Melozzi -, la fisarmonica è in genere molto individuale e stare insieme in un numero così elevato ha risvegliato un’anima musicale stupenda e per questo sono molto felici si esibirsi qui a Macerata. Ci esibiremo in un programma che nessuno si aspetterebbe da questo strumento - ha aggiunto -, l’obiettivo è portar fuori questo strumento dal seminato che i musicisti che la suonano nel tempo si sono formati, magari anche verso un immaginario collettivo che vede la fisarmonica come uno strumento minore, povero, invece no: si tratta di uno strumento nobile, principe, rappresentando l’anima e l’orgoglio delle Marche».


Un radicamento che non poteva non coinvolgere anche Francesca Pigini: «Sono cresciuta e nata con il suono della fisarmonica - ha affermato l’imprenditrice -, la nostra azienda è alla quarta generazione: creiamo uno strumento totalmente marchigiano, made in Castelfidardo». Evidente la soddisfazione nell’assistere alle prove dei 100 studenti: «Vedere questi giovani suonare tutti insieme con i nostri prodotti sul palco dello Sferisterio sarà una grande gioia - ha continuato -, nel segno dell’attenzione all’arte e al territorio in un palcoscenico stupendo».


A spiegare l’idea di questa innovativa performance è stata invece la direttrice del Mof Barbara Minghetti: «Mi sono innamorata della fisarmonica durante una visita alla Pigini - ha ricordato -, volevamo celebrare questo centenario usando questo termine e immaginando così tante persone suonare contemporaneamente. L’esperienza precedente del 2019 con i 100 Cellos (i violoncellisti allora capitanati sempre da Melozzi e da Giovanni Sollima, ndr.) era stata entusiasmante e abbiamo pensato di ripeterla con uno strumento così legato alle Marche».

A provare l’emozione di suonare questa sera all’Arena Sferisterio di Macerata ci sarà anche la più piccola, per età anagrafica ma non per forza di volontà, dei 100 fisarmonicisti che daranno vita all’originale crossover con la lirica nel cartellone del Mof 2021. Si tratta dell’11enne Aleida Corsi arrivata da Nettuno a Macerata con la mamma Roberta Pascali per il Conservatorio “Santa Cecilia” di Roma. «Mi trovo molto bene in questo gruppo - ha detto -, mi sono appassionata alla fisarmonica dopo aver assistito a un concerto e grazie anche a una mia amica. Non sono mai entrata allo Sferisterio - ha aggiunto -, penso che sarà una bella emozione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA