Senigallia ricorda l'umanista Giuseppe Cavalli, genio della fotografia, a 60 anni dalla scomparsa. Dalla sua fucina i grandissimi artisti Ferroni e Giacomelli

Domenica 24 Ottobre 2021
Ferruccio Ferroni e il suo maestro Giuseppe Cavalli a Senigallia negli anni 50

SENIGALLIA - La figura del fotografo e umanista Giuseppe Cavalli, così determinante nel secolo scorso per le vicende artistiche nelle Marche dopo l’ultima guerra, sarà ricordata a sessant’anni precisi dalla sua scomparsa nell’incontro che si terrà a Senigallia domani, lunedì 25 ottobre, alle ore 21 presso l’auditorium San Rocco in piazza Garibaldi. L’incontro è a cura dell’associazione culturale Centrale Fotografia di Fano con la co-partecipazione del Comune di Senigallia. 
Il personaggio chiave
Giuseppe Cavalli, marchigiano d’adozione (morì a Senigallia il 25 ottobre del 1961), è un personaggio chiave nell’ambito della storia della fotografia italiana del Novecento. Non ebbe vita facile nella provincia italiana e a un certo punto decise di fermarsi - era il 1938 - a Senigallia dove si consolidò la sua attitudine al teatro, alla letteratura, alla musica, all’arte e alla fotografia, che ebbe in seguito degli sviluppi anche a livello internazionale. Riuscì a fondare una fucina di fotografi importanti quali Ferruccio Ferroni e Mario Giacomelli. Cavalli cominciò ad intraprendere la sua strada artistica a metà degli anni trenta, quando era maggiormente diffusa la fotografia di regime e bucolica, asserendo ben presto che la fotografia aveva uno specifico linguaggio artistico in grado di trasfigurare la realtà oggettiva con la soggettività dell’autore. Una fotografia rigorosa e attenta ai soggetti della quotidianità, la scelta di preferire una luce diffusa, mediterranea, con le ombre leggibili, nel quale il soggetto fosse libero di esprimere i sentimenti nel tempo e nello spazio. 
Il programma
Il programma dell’evento prevede gli interventi del critico letterario Massimo Raffaeli e le letture di Paolo Pirani, Maurizio De Bonis critico di cinema e fotografia, Giuseppe Trincucci storico, del fotografo Lorenzo Cicconi Massi e Marcello Sparaventi presidente di Centrale Fotografia, associazione culturale che dieci anni fa ai Musei Civici di Pesaro ricordò già i cinquant’anni della scomparsa di Giuseppe Cavalli con il libro “Il tono più alto” realizzato con il figlio Daniele e lo studioso di fotografia Cesare Colombo. Durante la serata verrà presentato il libro “Fotografia, esordi della critica - Giuseppe Cavalli 1947-1961” pubblicato dall’Osservatorio di Fotografia dalle Puglie alle Marche che ha sede a Palazzo d’Auria Secondo a Lucera, un libro edito con la collaborazione della Fondazione 3M di Milano, dell’Archivio Giuseppe Cavalli di Lucera, dell’Associazione Emanuele Cavalli di Roma e dell’Archivio Ferruccio Ferroni di Senigallia. Il volume è curato da Marcello Sparaventi e Cristian Vescovi, con una postfazione dello storico Giuseppe Trincucci e la grafica di Elisabetta Duchi art director di Omnia Comunicazione. Nel libro Sparaventi e Vescovi lo ricordano attraverso i suoi scritti critici per le più importanti riviste di fotografia dell’epoca, pubblicati in un arco temporale piuttosto breve, fra il 1947 edil 1961.

© RIPRODUZIONE RISERVATA