Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Selvaggia Lucarelli, ecco chi è l'aggressore no vax: «Fuggito dalla quarantena, andò a fare la spesa col Covid»

Selvaggia Lucarelli, ecco chi è l'aggressore no vax: «Fuggito dalla quarantena, andò a fare la spesa col Covid»
Selvaggia Lucarelli, ecco chi è l'aggressore no vax: «Fuggito dalla quarantena, andò a fare la spesa col Covid»
3 Minuti di Lettura
Lunedì 22 Novembre 2021, 16:52

Selvaggia Lucarelli ha svelato l'identità dell'uomo che l'ha aggredita con una testata sabato scorso a Circo Massimo, Roma, nel corso della manifestazione no green pass (e no vax). «L'uomo che mi ha aggredita alla manifestazione no pass a Roma si chiama Roberto Di Blasio, è un insegnante di pugilato nella palestra Gym Palace di Anzio, denunciato a marzo 2020 perché aveva violato la quarantena (era andato a fare la spesa col Covid)».

Selvaggia Lucarelli, su twitter mostra l'aggressore no vax

La giornalista ha pubblicato la foto su Twitter con nome e cognome della persona da cui ha ricevuto una testata durante la manifestazione di sabato al Circo Massimo, dove, spiega in un altro post, era andata «con cappello, occhiali, mascherina. Nessuno sapeva chi fossi. Per il solo fatto di chiedere 'perché è qui oggi?' sono stata aggredita in ogni modo possibile (denuncerò)». Dopo l'episodio, la Lucarelli aveva pubblicato un video in cui si vedeva un uomo mentre le urlava «allora te ne vai», intimidazione seguita da una testata e, subito dopo, dal tentativo di altri partecipanti alla manifestazione di dissuadere l'uomo da altre possibili azioni violente.

 

I messaggi di solidarietà

Selvaggia Lucarelli ha ricevuto numerosi messaggi di solidarietà dal mondo della politica (anche da Matteo Salvini) per l'aggressione subita. A loro, sempre su Twitter, ha risposto così: «Ringrazio politici, colleghi, tutti quelli che mi hanno scritto in privato e non. Apprezzo, ma ho fatto solo il mio lavoro, nulla di eroico. Uscendo da personalismi: perché le forze dell’ordine si sono tenute lontane dalla piazza? Chi tutela il lavoro dei giornalisti?».

<

© RIPRODUZIONE RISERVATA