Parlare Futuro, faccia a faccia virtuale con il matematico ed "eretico" Piergiorgio Odifreddi

Parlare Futuro, faccia a faccia virtuale con il matematico ed "eretico" Piergiorgio Odifreddi
Parlare Futuro, faccia a faccia virtuale con il matematico ed "eretico" Piergiorgio Odifreddi
4 Minuti di Lettura
Martedì 26 Gennaio 2021, 15:28

SARNANO - Parlare Futuro 2021, l'iniziativa del Comune di Sarnano, per il suo sesto appuntamento (sabato 30 gennaio), cala un asso, il matematico, scrittore e divulgatore scientifico Piegiorgio Odifreddi

LEGGI ANCHE:

Questo incontro, come i precedenti, si svolgerà online in diretta sulle piattaforme Youtube (https://www.youtube.com/channel/UCfKkol2_8Bq_5PeSYiS9Duw) e Facebook (https://www.facebook.com/ParlareFuturo.LezioniDAutore) della rassegna, nel rispetto delle norme anti-covid19 e cercando una più ampia partecipazione di pubblico, e indagherà più in profondità il fil rouge della rassegna: "noli me tangere". 
Il detto evangelico viene qui alla ribalta come volontà di dialogo sul futuro e intoccabilità del potere decisionale su di esso, come necessità di comprensione dei problemi attuali della società e discussione di essi, in nome della capacità del singolo e della sua comunità di riferimento di poter cambiare lo status quo insieme, dando risposta efficace ai nodi irrisolti come negazionismo, apatia, migrazione, globalizzazione, lavoro, patto fra generazioni, nuovo concetto di cittadinanza, nuove famiglie, riformismo, reazione e mancata rivoluzione. Stavolta sarà protagonista della rassegna, il 30 gennaio alle ore 18, virtualmente ospitato dal Comune di Sarnano, il matematico Piegiorgio Odifreddi, che affronterà un dialogo con il pubblico su un concetto impegnativo come L'Infinito, dal suo ultimo libro Ritratti dell'Infinito.
Piergiorgio Odifreddi, quasi superfluo dirlo, è celebre matematico, scrittore e divulgatore scientifico. Nato a Cuneo nel 1950, ha studiato matematica e logica presso l’Università di Torino, specializzandosi poi tra Stati Uniti e l’allora Unione Sovietica. Assieme all’attività di professore di matematica e logica in numerosissime università del mondo, tra cui Los Angeles, Melbourne, Pechino e Buenos Aires, è tornato in Italia per insegnare Teoria della Calcolabilità proprio all’Università di Torino da cui era partito, mansione che ha portato avanti indefessamente dal 1999 al 2007 come professore ordinario.
Il vicesindaco del Comune di Sarnano, Franco Ceregioli, ha così accolto il sesto appuntamento di Parlare Futuro nella sua città: «Questa eccellente rassegna culturale è ormai diventata una tradizione per Sarnano. Certo, l’emergenza sanitaria ha cambiato il nostro modo di vivere gli eventi, ma non ha affatto spento l’interesse delle persone per la vita sociale e culturale: l’esperienza degli ultimi mesi ce lo ha dimostrato. Grazie alla collaborazione con Parlare Futuro, abbiamo avuto la possibilità di ascoltare dal vivo personaggi di grandissimo spessore come Paolo Crepet, Umberto Galimberti e Marcello Veneziani, e siamo davvero onorati di poter ospitare Piergiorgio Odifreddi, anche se solo virtualmente».
Oriana Salvucci, direttrice artistica della rassegna, ha così definito la personalità provocatoria e tagliente di Piergiorgio Odifreddi e della sua importanza per il percorso della rassegna verso l’intoccabilità del futuro: “. La ragione sembra essere lo spirito guida del prof. Piergiorgio Odifreddi a lui abbiamo affidato la fase apollinea di Parlare Futuro. 
Il professore è illustre logico , matematico e saggista. Ha animato diverse polemiche con scienziati, intellettuali, filosofi, giornalisti , ma in particolar modo con i gradi più alti della curia romana, definendo lo stesso Papa Francesco "un finto illuminato". 
E' stato accusato di Laicismo, scientismo, anticlericalismo, ateismo e forse anche eresia.  Le sue provocazioni sono il sale della terra, dal  Il vangelo secondo la scienza al  Perchè non possiamo essere cristiani e meno che mai cattolici, al Matematico Impenitente, a Caro papa, ti scrivo, fino al suo ultimo Ritratti dell'infinito. Il suo difetto è di ricordarci costantemente che sopravvivono i più adatti che non significa i migliori, che la luna è un astro e che il mondo è razionale. Ma anche e soprattutto che l'ironia salva la vita. "
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA