Masha con i delicatissimi maccheroncini di Campofilone batte lo chef della Valle d'Aosta e supera il turno a “Cuochi d'Italia”

Venerdì 5 Marzo 2021
Masha Luciani durante la trasmissione con lo chef Alessandro Borghese

SANT'ELPIDIO A MARE - «Volevo far innamorare il pubblico della nostra bellissima regione. Lo volevo fare in nome di tutti i miei colleghi che in questo difficile momento stanno pagando caro il prezzo della pandemia. Raccontare bene la nostra terra ci dà una speranza in più per il futuro». Le Marche hanno vinto. Nulla ha potuto la zuppa di cavolo con fonduta proposto dallo chef della Valle d’Aosta contro i delicatissimi maccheroncini di Campofilone.

 

E il primo pensiero di Masha Luciani, Masha della Luce, chef del Jolly di Sant’Elpidio a Mare, non poteva non fare riferimento al difficile momento che tutti stiamo vivendo. Intanto buona la prima, Masha della Luce ha messo la bandierina delle Marche sulla terza puntata della nuova serie di “Cuochi d’Italia” condotta da Alessandro Borghese su Tv8.


Masha, che nel corso della puntata ha pure cantato “Grande Grande Grande” di Mina, ha saputo tirare alla perfezione la pasta all’uovo: «Penso - dice - di aver conquistato sia Gennaro Esposito che Cristiano Tomei, la mia pasta è stata giudicata come perfetta, anche il raviolone della seconda manche è piaciuto».

La chef elpidiense si è preparata per settimane prima di partire alla volta di Milano: «Amo le tradizioni, mi considero una felice chef contadina e prima di andare da Borghese ho ascoltato i consigli di un caro amico chef di Monturano e i racconti delle anziane della mia zona. Mi hanno raccontato delle loro madri che vendevano le uova al mercato per sostenere la famiglia mentre in casa avevano solo farina e acqua e riuscivano ugualmente a ingegnarsi. Ma di più non svelo perché dovrete vedere la prossima puntata».Umiltà, lavoro duro e sapori semplici ma decisi, gli ingredienti della prossima puntata che andrà in onda il 16 marzo sempre alle 19,25 su Tv8.

© RIPRODUZIONE RISERVATA