Smitch In Blu Ray a Sanremo Rock, ammessi alla finale e sfiorato il podio: «Che emozione salire su quel palco»

Smitch In Blu Ray a Sanremo Rock, ammessi alla finale e sfiorato il podio: «Che emozione salire su quel palco»
di Saverio Spadavecchia
3 Minuti di Lettura
Lunedì 12 Settembre 2022, 03:15

La grande avventura degli Smitch In Blu Ray a Sanremo Rock si è conclusa ad un passo dal podio, con la finale della kermesse musicale che ha visto la band nata tra Castelfidardo e Recanati duellare ad armi pari con gli altri finalisti sul palcoscenico del teatro Ariston.

 
La classifica
La manifestazione è stata vinta dai piemontesi Dyonisian, che poche settimane fa si sono esibiti nella nostra regione (Bambù festival, Monte Urano) aprendo i concerti di grandi big della musica italiana come Caparezza e Litfiba ed il funambolico chitarrista australiano Tommy Emmanuel. Il quintetto marchigiano formato da Simone “Smitch” O’Meara (voce), Andrea Concu (chitarra), Lorenzo Marchesini (tastiere), Stefano Franchi (basso) e Luca Magnaterra (batteria) dopo aver superato le pre finali di venerdì scorso ha staccato il pass per la finalissima di sabato, dove insieme ad 8 altre band ha giocato tutte le sue carte portando sul palco dell’Ariston la canzone “Superluna”. La band ha debuttato con un primo singolo diverso dalla canzone scelta per il palco di Sanremo Rock, “Io Mi Do Fuoco”.


Il debutto

Questo primo singolo è stato prodotto da Nugo – Creative Collective, l’etichetta digitale nata come la band tra Recanati e Castelfidardo. «Una grande emozione, abbiamo sentito con chiarezza la grande energia di chi ha calpestato prima di noi un palco così importante - spiega il cantante Simone O’Meara – oltre all’emozione però devo dire che ci siamo sentiti però molto a nostro agio e tranquilli durante la pre-finale». Poi la comunicazione del passaggio del turno e l’accesso alla finale di sabato. Una notte di attesa tra festa, un po’ di tensione e conseguentemente poche ore di sonno. «Appena ci hanno comunicato il passaggio del turno abbiamo fatto festa - prosegue la voce degli Smitch In Blue Ray – poi un po’ dì relax nonostante il poco sonno a causa dell’emozione. Sabato dopo il soundcheck abbiamo passato la giornata in città ed esplorato i dintorni del teatro Ariston fino alla nostra esibizione che è avvenuta intorno alle 23».


Gli incontri
L’attesa è stata anche occasione di incontro e discussione con gli altri finalisti, per costruire legami e ponti che potrebbero essere da qui a qualche tempo estremamente importanti per la band. «Ci siamo confrontati, abbiamo parlato ed abbiamo visto mondi diversi rispetto al nostro». Dopo questa grande avventura sul palco dei big della musica italiana, gli Smitch In Blu Ray proseguiranno il loro percorso artistico e molte sono le cose che bollono in pentola così come molti sono i traguardi da tagliare. «Il nostro obiettivo era quello di conquistare la finale di Sanremo Rock - conclude Simone O’Meara – altro obiettivo era quello di conoscere di più quest’ambiente e renderci conto di cosa serve per raggiungere certi livelli. Sanremo ci ha la consapevolezza che ora dobbiamo fare di più, perché anche se non abbiamo vinto, siamo estremamente soddisfatti ed estremamente fiduciosi per il nostro futuro. Ora ci metteremo ancora più passione, voglia e determinazione perché sappiamo che ce la possiamo fare».

© RIPRODUZIONE RISERVATA