Rossini Opera Festival, su il sipario in Oman. “La cambiale di matrimonio” va in scena
oggi e replica sabato

Rossini opera festival, su il sipario in Oman. La cambiale di matrimonio va in scena oggi e replica sabato
Rossini opera festival, su il sipario in Oman. “La cambiale di matrimonio” va in scena oggi e replica sabato
di Elisabetta Marsigli
3 Minuti di Lettura
Giovedì 24 Novembre 2022, 02:00 - Ultimo aggiornamento: 15:15

Marche terra di grandi produzioni culturali e spettacolari capaci di conquistare il mondo. E se nel Qatar, la direzione artistica della cerimonia di apertura dei Campionati mondiali di calcio è stata affidata all’anconitana Anghela Alò, ora in un altro paese della penisola arabica, è il belcanto, sotto l’egida di Gioachino Rossini e del Rof, a portare alto il vessillo della marchigianità. Un po’ più vicino, in Albania, è invece il fanese Passaggi Festival ad avviare una collaborazione nel nome della cultura. Un settore, quello della cultura e dello spettacolo sempre molto vitale, che è un fiore all’occhiello della regione, che è un importante veicolo di promozione per l’intero territorio. 


Il ritorno in Oman


Il Rossini opera festival torna a Mascate in Oman, per la quarta delle cinque farse di Rossini oggetto della partnership con la Royal Opera House Muscat, con “La cambiale di matrimonio”, vista al Rof 2020 nella messinscena di Laurence Dale, con scene e costumi di Gary McCann e luci di Ralph Kopp, coprodotta con la Royal Opera House Muscat.L’opera andrà in scena in prima assoluta, nella nuova edizione critica curata da Eleonora Di Cintio, questa sera alle 19 (le 16 in Italia). Alessandro Bonato dirigerà l’Orchestra Sinfonica G. Rossini. Nel cast, Alfonso Antoniozzi (Tobia Mill), Dilyara Idrisova (Fannì), Davide Giusti (Edoardo Milfort), Davide Luciano (Slook), Aleksandr Utkin (Norton) e Martiniana Antonie (Clarina). La seconda recita si terrà il 26 novembre alle 16. Il consolidato rapporto con l’Oman permette anche di introdurre le due recite con guide all’ascolto (gli interessanti Pre-Performance Talks) riservate al pubblico della serata, organizzate dall’Educational and Outreach Department della Royal Opera House Muscat un’ora prima dell’inizio dello spettacolo, alla Maidan Hall. Inoltre, tra le due recite operistiche, il 25 novembre alle 19, si terrà il concerto di duetti ed arie rossiniane “Homage to the Swan of Pesaro”: Nikolas Naegele dirigerà l’Orchestra Sinfonica G. Rossini. Nel cast, Salome Jicia, Raffaella Lupinacci, Pietro Adaíni e Grigory Shkarupa. In programma brani da L’Italiana in Algeri, Il Turco in Italia, Il barbiere di Siviglia, La donna del lago, La Cenerentola e Semiramide.


Gli altri appuntamenti


La tournée si inserisce nel programma Educational del teatro omanita, articolato in una serie di altri importanti appuntamenti che hanno il Rof come protagonista: un Lunch music concert nella Opera Galleria del teatro e cinque workshop-concerto tenuti da Daniele Carnini, Direttore editoriale della Fondazione Rossini, per gli studenti delle università omanite, tutti con la partecipazione di giovani cantanti ex-allievi dell’Accademia Rossiniana “Alberto Zedda”. «In questi ultimi anni l’attività si è fatta più costante nel tempo: - ha sottolineato il Sovrintendente Ernesto Palacio - non solo il tradizionale appuntamento estivo, ma dalle celebrazioni internazionali del 150esimo anniversario della sua morte, l’occasione di far conoscere Rossini nel mondo si è ulteriormente ampliata consentendo maggiore visibilità sia al nostro festival che alla città che lo ospita».

© RIPRODUZIONE RISERVATA