L'arte figurativa protagonista in un'esposione al Museo civico di Villa Colloredo Mels a Recanati, 44 le opere in mostra: ecco di chi

Lunedì 11 Ottobre 2021 di Chiara Morini
Un opera dell artista Enrico Manera in mostra a Recanati

RECANATI - Marche e Abruzzo a confronto in una mostra itinerante che si caratterizza anche per la presenza di otto artisti di fama nazionale: Fabrizio Campanella, Tommaso Cascella, Bruno Ceccobelli, Giancarlo Costanzo, Cleonice Giola, Emilio Leofreddi, Massimo Liberti ed Enrico Manera.

 

 

L’arte figurativa contemporanea è così protagonista, fino al 7 novembre, a Recanati negli spazi del Museo civico di Villa Colloredo Mels, con la mostra “Confronti d’Arte” (info: 0717570410). 


L’esposizione, che ospita anche le opere di 18 artisti marchigiani e altrettanti abruzzesi, è nata dall’idea di Giovanni Giancarlo Costanzo e dall’associazione Pescara Art Evolution, con la co-curatela di Gian Ruggero Manzoni, già docente di storia dell’arte a Urbino, nonché discendente di Alessandro Manzoni e cugino dell’artista Piero.
Manzoni osserva come «in questi tempi, alcuni artisti, mossi dal desiderio di stare assieme hanno raggiunto un buon livello di comunicazione e catturato istanti di interesse che, osservando i lavori svolti collocati uno accanto all’altro, parlano all’unisono». Le loro diverse opere si fondono insieme quasi a costituire un coro fatto di diverse voci. «Le pennellate su tela - afferma ancora Manzoni - si fondono con l’inchiostro che traccia linee su un foglio, le parole diventano colori del dipinto, e le opere sono un tutt’uno». Un confronto che parte dalle caratteristiche di ciascuno di loro, ma che è «una bella occasione - sostiene l’assessore comunale Rita Soccio - per costruire una rete interregionale nel nome della cultura. In questa mostra ogni artista evidenzia la sua libertà di esprimersi scegliendo tra diversi linguaggi, come il concettuale, il surreale, il fotografico. Ancora la tecnica, e ci sono opere pittoriche, sculture, fotografiche. Una gamma completa dell’arte contemporanea». Così c’è chi ha scelto di dedicarsi all’arte di denuncia, chi ha voluto esprimere i propri sentimenti, chi ancora di dare valore alla realtà, e così via. «Marche e Abruzzo – il pensiero di Giovanni Giancarlo Costanzo – sono realtà vicine, da sempre fucina di artisti, letterati, pensatori, storici. Il connubio non può che portare linfa vitale». 
Accanto ai “maestri”, gli artisti marchigiani sono Carla Abbondi, Katia Albini, Giorgio Cannara, Marisa Cesanelli, Moreno Corallini, Anna Iskra Donati, Marisa Korzeniecki, Cesare Iezzi,Vincenzo Lopardo, Marcello Lucadei, Fabrizio Mariani, Maria Teresa Pancella, Augusto Piccioni, Giorgio Piunti, Pio Serafini, Lucia Spagnuolo, Stefano Tamburrini, Tiziana Torcoletti. Gli abruzzesi invece sono Alfredo Celli, Domenico Chiola, Giuseppe Cipollone, Giuliano Cotellessa, Claudio Dell’Osa, Alfredo Di Bacco, Yuri Di Blasio, Luciano Di Gregorio, Gabriella Fabbri, Marco Fattori, Marilù Giannantonio, Fausto Leoni, Andrea Malandra, Pierpaolo Mancinelli, Vladimiro Marrama, Gualtiero Redivo, Loris Speziale, Danilo Susi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA