Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Pippo Franco denunciato, possedeva un Green pass falso: inchiesta sul suo medico

Pippo Franco denunciato, possedeva un Green pass falso: inchiesta sul suo medico
Pippo Franco denunciato, possedeva un Green pass falso: inchiesta sul suo medico
3 Minuti di Lettura
Martedì 5 Ottobre 2021, 18:01

Pippo Franco. Il giorno dopo le elezioni comunali, scoppia un caso a Roma. C’è anche il Green pass di Pippo Franco al vaglio dei carabinieri del Nas di Roma che indagano su presunte certificazioni vaccinali false nella Capitale. L’attore, 81 anni, denunciato per il possesso di un pass falso, è fra i cento pazienti del medico di base del quartiere Appio-Tuscolano indagato dalla Procura di Roma per aver inserito nel sistema informatico regionale un centinaio di attestazioni non regolari, basate su esenzioni non dovuto o su attestazioni di immunizzazione per vaccini mai somministrati. 

L'attore è candidato alle elezioni comunali di Roma con la lista civica di Enrico Michetti«Pippo Franco? Se venissero confermate le notizie relative a presunti Green pass falsi sarebbero gravissime. Auspico che si faccia subito chiarezza su questa vicenda», il commento dell'Assessore alla Sanità del Lazio, Alessio D'Amato.

Gli inquirenti indagano a Roma su una vasta rete di Green pass irregolari. Al centro dell’inchiesta c’è lo studio del medico, considerato una sorta di centrale di produzione di certificati falsi. Questi sarebbero stati rilasciati a vip, sportivi, imprenditori e, in generale, a persone legate alla cosiddetta Roma bene, attraverso alcuni mediatori.

Il Fatto Quotidiano racconta oggi che Pippo Franco (non indagato) abita però nel quadrante nord della città, ben distante alla semiperiferia sud-est della zona Tuscolana. Un fattore che ha insospettito non poco gli investigatori del Nas. Va specificato che, all’interno della stessa regione, non è in alcun modo vietato iscriversi nelle liste di un medico di famiglia legato a un’Asl diversa da quella di residenza.

Sia a La Verità che a Myrta Merlino durante L’Aria che Tira Pippo Franco aveva risposto in modo non chiaro e netto alla domanda sulla vaccinazione contro Covid-19. «Ho il Green pass ma più di questo non voglio dire», la risposta secca. Su Instagram, scrive sempre il quotidiano, «ha pubblicato una foto ritratto nello studio del medico indagato e la frase “scettico ma vaccinato”». Il post comunque attualmente non compare più tra quelli del suo profilo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA