“Grande musica per pochi strumenti”, sei appuntamenti a Pesaro

Venerdì 23 Ottobre 2020 di Elisabetta Marsigli
Il presidente Stefano Gottin con l’assessore Daniele Vimini e il compositore e pianista pesarese Paolo Marzocchi

PESARO - La Città della Musica annuncia la sua terza stagione di concerti, grazie all’avvio della collaborazione con la WunderKammer Orchestra con appuntamenti tra Teatro Rossini e sala della Repubblica, da novembre a maggio. “Grande musica per pochi strumenti” prevede sei appuntamenti. 
«Il fil rouge che unisce i concerti - racconta il direttore artistico di Wko, il compositore e pianista pesarese Paolo Marzocchi - deriva proprio dalla natura sfaccettata della WunderKammer stessa, plurale per definizione: una camera delle meraviglie in cui poter scoprire cose inaspettate, sorprendenti e curiose. Ovviamente una parte importante è affidata all’ensemble, guidato come sempre dal suo direttore musicale, Carlo Tenan, che incornicia il programma con il concerto di apertura e quello di chiusura, entrambi dedicati a Beethoven, In mezzo altri quattro eventi, ciascuno molto diverso, ma strettamente connesso all’idea che ha portato al progetto Wko». Si inizia il 1 novembre alle 17:30, con “Beethoven in der WunderKammer” (“Beethoven nella Stanza delle Meraviglie”), un gioco di parole che unisce la presenza della Wko, che ingloba per l’occasione il Quartetto Mirus al completo (a gennaio protagonisti del terzo appuntamento in programma), e la trama di un concerto che celebra l’anniversario della nascita del genio di Bonn con pezzi di raro ascolto, quasi sconosciuti, che ne svelano aspetti spesso ignorati. Una produzione con una marcata impronta della Città della Musica: il solista al pianoforte è il pesarese Marco Vergini, il mezzosoprano Mara Gaudenzi, che sta ultimando gli studi al Conservatorio Rossini, mentre il compositore Mario Totaro è pesarese e docente al Conservatorio Rossini. Sul podio Carlo Tenan, con le trascrizioni di Paolo Marzocchi. Sempre al Rossini il 10 dicembre alle 21 il concerto “Bruno de Simone 40” per celebrare uno dei cantanti-attori più apprezzati del mondo operistico. Ancora Teatro Rossini il 9 gennaio alle 17,30 con il Quartetto Mirus, metà concerto puro e metà teatro musicale, mentre l’11 febbraio alle 21 il pianista Marco Vergini proporrà, nella sala della Repubblica, “Dante, Petrarca e Bertrand”, dialoghi tra musica e letteratura nel settecentesimo anniversario della morte di Dante. Il 19 marzo, sala Repubblica, “Vivaldi e la signora Geltruda” con Alessandra Visentin, autentica “voce grave” e specialista nel barocco, che presenta il suo nuovo lavoro discografico con musiche di Vivaldi per la Pasqua.
L’ultimo appuntamento sarà il 14 maggio con “Il compleanno dell’Imperatore”, concerto con cui la Wko chiude il Progetto Beethoven avviato tre anni fa a Lampedusa. Info: 0721387621.

© RIPRODUZIONE RISERVATA