Con “RagazzaCd”, la graphic music promuove a protagonista una esploratrice spaziale che cade su un pianeta in cui è impossibile accedere ai ricordi

Con RagazzaCd , la graphic music ha come protagonista una esploratrice spaziale che cade su un pianeta in cui è impossibile accedere ai ricordi
Con “RagazzaCd”, la graphic music ha come protagonista una esploratrice spaziale che cade su un pianeta in cui è impossibile accedere ai ricordi
di Elisabetta Marsigli
3 Minuti di Lettura
Martedì 13 Settembre 2022, 03:35

PESARO - Una esploratrice spaziale cade su un pianeta dalla memoria chiusa. Impossibile accedere ai ricordi o chiamare soccorso. Un pianeta di specchi, una giungla di ghiaccio, di stanze vuote dove cercare i ricordi proibiti. Un pianeta 2D, una terra piatta dove non ci sono emozioni e dove l’unico modo per scappare è chiamare aiuto attraverso la musica e le canzoni.

È questa la trama di “RagazzaCd” il nuovo lavoro del fumettista e illustratore pesarese Alessandro Baronciani (Negativa, Le ragazze nello studio di Munari, Monokerostina).

La trilogia

«Con ”RagazzaCd” - spiega Baronciani - chiudo la trilogia dei libri a fumetti in scatola, ormai diventati culto, iniziata con ”Come svanire completamente” e proseguita con ”Monokerostina”. Questo libro a fumetti sarà una vera e propria graphic music, un nuovo modo di leggere una storia ascoltandola, facendosi coinvolgere interamente dalla musica. 10 tracce e 4 canzoni racconteranno una storia a fumetti che viene da un pianeta lontano». Un libro di 300 pagine a colori in formato orizzontale di 21 per 15 cm, prenotabile online fino al 30 settembre, quindi solo tramite l’acquisto diretto dall’autore, in un arco limitato di tempo. Il libro sarà poi stampato a gennaio e successivamente spedito agli acquirenti. «Il cd è il primo esempio di tecnologia moderna diventato, oggi, già nostalgico: l’ultimo momento in cui c’è stato bisogno di un supporto per ascoltare la musica. Il mio è un modo per dire che quello che abbiamo creato col digitale ci sta sfuggendo di mano». 

La fantascienza

Fantascienza e nostalgia insieme: «Direi una fantascienza nostalgica perché non si sta più producendo niente che abbia un contenuto profondo. La fruizione della musica è diventata una fruizione snack. “RagazzaCd” cerca di fare un esperimento molto complesso da raccontare, perché oggi abbiamo troppo poco tempo per capire, siamo molto distratti. È però affascinante, per noi che lo abbiamo realizzato, mettere in crisi uno stereotipo di comunicazione e di prodotto». Un progetto che ricorda «le favole sonore della Disney di quando ero bambino» e di quando esisteva il lato A e il lato B. «Prima del digitale tutto aveva un lato A e un lato B e dovevamo già insospettirci quando il cd è uscito solo con il lato A: quindi solo un’idea e non più il dualismo culturale. E sta succedendo proprio questo ora: siamo tutti su una stessa piattaforma, contemporaneamente, piccoli o grandi, famosi o meno. Una volta da una parte c’erano gli stadi e dall’altra i locali dove si esibivano band alternative. Ora i locali di musica stanno chiudendo, esistono solo le enormi produzioni, stanno sparendo i negozi di dischi e le riviste specializzate. Dove ti informi o ascolti qualcosa più di nicchia e indipendente?». La sua nuova protagonista non a caso finisce su una terra piatta: «Finisce su un pianeta cd, la terra piatta per eccellenza e, nell’attuale momento storico, veniamo considerati pazzi noi che pensiamo che la terra sia tonda. Quindi direi che la mia è una “provocazione nostalgica”. 

La nostalgia

La memoria si attiva con la nostalgia, che serve per fare affluire i ricordi e non commettere gli errori del passato. È decisamente una sfida e se vuoi sfidare Golia devi avere tante persone disposte a crederci». Per ora si può guardare e ascoltare un trailer con le immagini disegnate da Alessandro Baronciani accompagnate dal brano Salta, scritto e cantato da Giungla e Corrado Nuccini, mentre dal 14 settembre sarà online il video realizzato con Rachele Bastreghi. La voce narrante della protagonista è dell’attrice Chiara Leoncini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA