I tutori dell'ordine nel cinema e nella tv, a Pesaro arriva da Bollywood l'attrice Shah protagonista della serie “Delhi Crime”

I tutori dell'ordine nel cinema e nella tv, a Pesaro arriva da Bollywood l'attrice Shah protagonista della serie Delhi Crime
I tutori dell'ordine nel cinema e nella tv, a Pesaro arriva da Bollywood l'attrice Shah protagonista della serie “Delhi Crime”
di Elisabetta Marsigli
3 Minuti di Lettura
Giovedì 8 Settembre 2022, 04:40

PESARO - La missione delle forze dell’ordine letta attraverso la sua rappresentazione nel cinema, nella tv, nella letteratura, nell’arte, nella musica e nello sport: si svolgerà a Pesaro (al Teatro Sperimentale e nella corte di Palazzo Mazzolari Mosca), da domani al 18 settembre, la XXVI edizione dell’International Police Award Arts Festival.

L’ideatore
«Un modo per raccontare il lavoro dei tutori dell’ordine attraverso le arti - ha commentato Orazio Anania, ideatore della manifestazione nel 1996, già colonnello dei carabinieri e presidente della Delegazione Toscana dell’Ipa - ma questo festival serve anche come specchio e punto di riflessione per coloro che perdono la strada e i propri principi, quelli che sono alla base della formazione di ogni poliziotto». Il rilievo internazionale del festival, che ha contatti nei cinque continenti, avrà tra gli ospiti, per la prima volta in Europa, anche l’attrice indiana Shefali Shah che ha ottenuto il plauso della critica per il suo ruolo da protagonista come poliziotto nella serie Netflix “Delhi Crime” nel 2019. «Non è facile avere ospiti della grande industria cinematografica indiana - prosegue Anania - ma l’eco del nostro festival (che negli anni ha ospitato personaggi come Colin Firth, Matt Dillon, Hellen Mirren, Ennio Morricone, Nikita Michalkow, Abel Ferrara, Andrey Koncialowsky, Andrea Camilleri, Vittorio Storaro, Billie August, Gina Lollobrigida) è riuscita a convincere il regista Richie Mehta e l’attrice Shefali Shah a partecipare (il 16 settembre) alla proiezione del trailer della fortunata serie indiana». Domani si parte alle 19 con l’inaugurazione delle mostre “La Polizia nell’arte”, arte e fotografia di artisti italiani e internazionali, e “I colonnelli e il detective” in memoria di Adolfo Celi, Vittorio Gassman, Ugo Tognazzi e Renzo Montagnani. Seguirà la consegna del Premio Apoxiomeno ai registi Marco e Antonio Manetti (Manetti Bros), all’attrice tedesca Carolina Peters per “Colleagues - Evil Child” e a Lucia Mascino per “I Delitti del Barlume”. La serata si concluderà con l’incontro con i Manetti Bros e la proiezione di “Diabolik”, seguita dal trailer della serie televisiva poliziesca tedesca ancora non distribuita in Italia “Colleagues - Evil Child”. Evento da non perdere è la prima mondiale (il 13 alle 21) del documentario “Siamo qui siamo vivi”, tratto dal libro di Roberto Mazzoli, prodotto da Arman Julian, diretto da Daniele Ceccarini che narra la storia di Alfredo Sarano, che salvò la vita a 14mila ebrei milanesi prima di rifugiarsi con la famiglia a Mombaroccio. Tra le serie e i film in programma, di spicco anche la maratona de “La Meglio Gioventù” (domenica 11) alla presenza del regista Marco Tullio Giordana, nel ventennale dall’uscita. Tra i libri presentati: quello dedicato a “Renzo Montagnani, un uomo libero’ (Dellisanti, 2022) di Domenico Pallattella, nel giorno del centenario della nascita dell’attore, e “Ugo Tognazzi, stile, storie e segreti del grande attore” (Edizioni Sabinae, 2018) di Mario Sesti e Luisa Mazzone; Toni Capuozzo con il suo ultimo libro “Balcania. L’ultima guerra europea” (Edizioni Biblioteca dell’Immagine, 2022) e l’incontro con lo scrittore giallista Enrico Franceschini.

L’appuntamento con Sordi
Il 17 settembre allo Sperimentale, doppio appuntamento dedicato ad Alberto Sordi (che festeggiò il suo 70esimo compleanno alla Mostra del Cinema di Pesaro): il premio Alberto Sordi Family Award, ideato e condotto dal giornalista radiotelevisivo Igor Righetti, cugino dell’Albertone nazionale, protagonista anche dell’evento-spettacolo “Alberto Sordi segreto” per scoprire la sua vita fuori dal set. Programma completo sul sito del festival.

© RIPRODUZIONE RISERVATA