Il musical Notre Dame de Paris
riparte da Pesaro dopo due anni

Notre Dame de Paris
riparte da Pesaro
dopo due anni di stop
PESARO - Riparte questa sera, alle ore 21, dalla Vitrifrigo Arena di Pesaro, il musical dei musical, Notre Dame de Paris. Il produttore, Clemente Zard confessa di essere “cresciuto” umanamente e professionalmente con questo grande spettacolo: «Ringraziamo Pesaro di averci dato la possibilità di ripartire da qui, da una grande struttura in grado di ospitare grandi produzioni, come ce ne sono poche in tutta Europa. Qui ci siamo tutti sentiti a casa». La magia di uno spettacolo che sfida il tempo e le mode, prenderà dunque vita dalla Città della Musica (repliche domani alle 21 e domenica 15 settembre alle 19), dopo alcuni giorni di riallestimento, seguiti personalmente da Riccardo Cocciante che ha dichiarato in conferenza stampa di non aver fatto mai sostanziali modifiche allo spettacolo, se non per qualche variazione di interprete, proprio perché non tocca un’epoca precisa e non ha mai seguito alcuna moda. Notre Dame de Paris, rimane uno tra gli spettacoli teatrali più amati al mondo dall’anno della sua creazione, nel 1998 a Parigi, e ha appassionato più di 4 milioni di persone solo in Italia.
L’unica novità di questa nuova tournée è il cambio della storica protagonista: al posto di Lola Ponce c’è Elhaida Dani, prima vincitrice del musical The Voice, proprio nella squadra di Cocciante che, dopo la versione francese sarà Esmeralda anche in quella italiana. Il resto del cast rimane immutato, con il bravissimo Giò Di Tonno nel ruolo di Quasimodo, Vittorio Matteucci che interpreta Frollo, Leonardo Di Minno sarà Clopin, Matteo Setti sarà Gringoire, Graziano Galatone interpreta Febo e Tania Tuccinardi, invece, Fiordaliso. Sul palco anche oltre 30 artisti tra ballerini, acrobati e breaker. Diretto dal sapiente Gilles Maheu, le coreografie e gli spettacolari movimenti di scena sono ideati da Martino Muller. La trama prende spunto dal romanzo omonimo, primo grande successo di un 29enne Victor Hugo, nella riscrittura emozionante del drammaturgo canadese Luc Plamondon, per la versione francese e di Pasquale Panella nella traduzione italiana. 
Una struggente storia che racconta l’amore impossibile tra Quasimodo, il campanaro gobbo della basilica di Notre Dame e la bella gitana Esmeralda: un tragico amore, condannato dall’ingiustizia e dall’ipocrisia. La bellezza delle musiche, in una armonia totale fra passato e presente, sia delle melodie tra classico e rock, che dei testi che della scenografia, e un cast straordinario hanno reso questo spettacolo unico, poiché racchiude un’alchimia difficilmente ripetibile, con la firma di uno dei più grandi cantautori italiani. Notre Dame è anche lo spettacolo dei record: in 17 anni di repliche in Italia sono state attraversate 47 città, per un totale di 145 appuntamenti e 1.246 repliche complessive. Ma non solo: è stato tradotto in 9 lingue e portato in 23 Paesi per un tolale di oltre 5000 spettacoli.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 13 Settembre 2019, 11:20 - Ultimo aggiornamento: 13-09-2019 11:20

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO