Le graphic novel diventano spettacolo e musica nella prima edizione del Fumetti Opera Festival a Pesaro

Mercoledì 15 Settembre 2021 di Elisabetta Marsigli
I manifesti realizzati da sei autori per il Fumetti Opera Festival

PESARO - La “musica disegnata” è la protagonista della prima edizione del Fumetti Opera Festival, dove le graphic novel diventano spettacolo: il 17 e il 18 settembre Pesaro, Città della Musica Unesco, ospita performance disegnate, stand up e concerti, per un nuovo modo di leggere una storia a fumetti.

 

Gli illustri ospiti di questa prima folgorante edizione, che vede la direzione artistica del vulcanico Alessandro Baronciani, sono: Davide Toffolo, Rachele Bastreghi (dei Baustelle), Ilariuni, Her Skin, Giangioff, Nova, Louseen Smith, Moro, Guido Brualdi. La scena fumettistica e musicale è da sempre un vanto per Pesaro, come ha dimostrato il recente album “Oceano Adriatico” che ha chiamato a raccolta numerosi musicisti e fumettisti in ricordo di Mirko Bertuccioli (Zagor Camillas) e Andrea Guagneli, ma mai le era stato dedicato un appuntamento speciale. Molti degli attuali artisti della scena musicale sono infatti anche eccellenti autori di graphic novel di pregio.
Questa prima edizione del Fumetti Opera Festival, promosso dall’Assessorato alla Bellezza del Comune, Sistema Museo e Amat, in collaborazione con l’associazione Circolo Mengaroni, Black Marmalade Records e la libreria il Catalogo, è una versione “beta” ancora da testare, ma che si presta ad una evoluzione sinergica nel coinvolgimento di artisti e di spazi. «Pesaro è una donna intelligente come dice Calcutta - afferma Baronciani - una città dove succedono molte cose, che in molti ci invidiano. Una piccola Portland che ha nel Dna musica e disegno e mancava un festival che li unisse. Ho iniziato facendo spettacoli, tra musica e fumetti, ispirato da Davide Toffolo e sono felice che sia tra gli ospiti di questa prima edizione, visto che ha dato proprio lui il via a questo nuovo modo di fruire di musica e fumetti». 


Due giornate intense che partiranno dai Musei Civici, venerdì, con la visita guidata dall’illustratore Michael Bardeggia alla sua mostra “In viaggio con Enrica”, per poi spostarsi al teatro Sperimentale per assistere a “Quando tutto diventò Blu”, il concerto a fumetti, di Alessandro Baronciani e Corrado Nuccini dei Giardini di Mirò, tratto dal libro edito da Bao Publishing nel 2020. Sul palco con Baronciani, Ilariuni, Her Skin e Rachele Bastreghi dei Baustelle. Lo spettacolo è in tournée da due anni, ma nel 2021, per la prima volta in assoluto, lo spettacolo è diventato un disco. In apertura saranno proiettati i “corti animati” di Giulia Marcolini, Anima e Samuele Canestrari, selezionati da Alma Animatori. La serata si chiuderà con un “dopofestival” al Circolo Mengaroni per una inedita lettura dal vivo de “Il sorprendente libro con i cavalieri di Giangioff” (Fumetti di Cane, 2020) e l’anteprima di 24/7 (Bao Publishing, 2021) di Nova.


Nel pomeriggio di sabato è prevista una visita all’interno della tipografia Montaccini, per scoprire i segreti della stampa, mentre alle 19, ai Musei civici, Louseen Smith e Moro parleranno delle loro ultime due autoproduzioni: rispettivamente Arciòn, MalEdizioni (2021) e Favole per bimbi grandi vol. II. Alle 21, allo Sperimentale, il Fof si conclude con la presentazione de “L’ultimo vecchio sulla terra” (Rizzoli Lizard, 2021) del fumettista, cantautore, chitarrista e frontman dei Tre Allegri Ragazzi Morti, Davide Toffolo, con una nuovissima graphic novel ispirata dalle poesie di Remo Remotti. In apertura di serata, il pesarese Guido Brualdi proporrà il suo spettacolo tratto dal suo primo fumetto d’esordio “Stagione” (Edizioni BD, 2021), candidato ai Premi Boscarato del prossimo Treviso Comic Book Festival, come “Artista rivelazione”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA