Il Pesaro Film Fest tra l'Oscar di Cesari donato alla sua città e il concerto di Naip, polistrumentista in luce nell'ultimo X Factor

Domenica 20 Giugno 2021 di Elisabetta Marsigli
Lo scenografo e arredatore Bruno Cesari con l Oscar vinto nel 1988 per L ultimo imperatore di Bernardo Bertolucci

PESARO - È una giornata da Oscar quella della Mostra internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro: oggi alle 17, al cinema-teatro Sperimentale, avverrà la cerimonia ufficiale di consegna alla città, da parte della vedova Laura Curreli, della celebre statuetta vinta dallo scenografo pesarese Bruno Cesari per “L’ultimo imperatore” di Bernardo Bertolucci.

 

Il prezioso cimelio sarà collocato in una speciale bacheca del cinema, insieme ad altri prestigiosi riconoscimenti internazionali ricevuti da Cesari (a cui è stata anche intitolata una piazza nel centro storico di Pesaro) tra cui il David di Donatello, vinto sempre per lo stesso film, e alcune targhe come il Ciak d’oro vinto per “Le fate ignoranti” e la nomination agli Oscar per “Il talento di Mister Ripley”. Tra le illustri collaborazioni di Cesari, scomparso nel 2004 all’età di 70 anni, sono da ricordare anche “La leggenda del pianista sull’oceano” di Tornatore, e “La città delle donne” di Fellini. In omaggio a Cesari, a seguire, sarà proiettato in sala il film di Bertolucci. 


Il programma allo Sperimentale inizia alle ore 15 con la prima delle proiezioni dedicate a Liliana Cavani: “Galileo”, seguita alle 21 da “I cannibali” e il corto  “La battaglia”. Ai Bagni Agata, per il cinema in spiaggia, si ricorderà Giulietta Masina, a 100 anni dalla sua nascita, con “Senza pietà” di Alberto Lattuada.  Preceduto dalla proiezione (inizio alle ore 21) del primo videoclip dei sei finalisti di Vedomusica, “È bello perdersi”, alla presenza della regista Elisabetta Sgarbi e la presentazione, in anteprima, della versione discografica di “Luccichini dappertutto” (il concerto dello scorso anno in ricordo di Mirko Bertuccioli).


Piazza del Popolo si prepara ad ospitare, intorno alle 21,45, l’atteso concerto di Naip, al secolo Michelangelo Mercuri, il polistrumentista e compositore, originario di Lamezia Terme, che ha spopolato nell’ultima edizione di X Factor. In esclusiva per la Mostra di Pesaro, Naip ha composto ben 61 minuti di musica sonorizzando pellicole degli anni ’20 del secolo scorso. «Sarà un concerto speciale - annuncia Naip - dove molti dei miei brani ruoteranno intorno a quei 61 minuti. Ricordo bene la durata perché è stato un lavoro durissimo quello che mi hanno commissionato gli organizzatori della Mostra, ma devo ammettere che mi ha davvero divertito. È una delle mie date preferite, perché ho scritto appositamente musica inedita, per la prima volta dedicata al cinema. Il cinema l’ho studiato all’Università e non posso ritenermi un esperto: mi piace sia quello più “datato” che quello contemporaneo, ma anche quello più divertente. Tra i registi che stimo di più ci sono Linch, Kubrik, Fellini, i fratelli Cohen, di cui ho rivisto più volte i vari film. Ma ho accettato questa sfida, che all’inizio era paragonabile alla scalata dell’Everest, con entusiasmo: tra quelle pellicole ci sono registi come Duchamp o Man Ray che già conoscevo, fino a Opus 4 di Ruttmann che lascia carta bianca alle percussioni. Un insieme di sonorizzazioni da cui mi lascerò trasportare. Mi sento onorato di questa occasione: dopo XFactor ho aggiunto molti colori alla mia tavolozza d’artista».

© RIPRODUZIONE RISERVATA