Il coreografo Cosimi porta a Pesaro “Glitter in my Tears – Agamennone”, l'eroe tra erotismo e morte

Sabato 13 Novembre 2021 di Elisabetta Marsigli
Una scena dello spettacolo

PESARO - Con il primo capitolo del progetto “Orestea, trilogia della vendetta”, Enzo Cosimi torna a Pesaro, questa sera, alle ore 21, al Teatro Sperimentale, inaugurando il filone della proposta contemporanea con “Glitter in my Tears – Agamennone”, nell’ambito della stagione promossa dal Comune di Pesaro e dall’Amat. Protagonista della scena nazionale e internazionale, grazie anche al ciclo di documentari  “Why Do We Dance?” prodotti da Sky Art International, Cosimi ha dimostrato di essere sempre un coreografo fuori dagli schemi, estraneo alle correnti e alle mode.

 
L’eroe sfaldato
“Glitter in my Tears” non costruisce narrazioni, ma racconti astratti dove l’eroe ormai sfaldato, rotto, si staglia in un paesaggio astratto e rarefatto in relazione ad una esperienza percettiva di corpi, in una drammaturgia nuda ed essenziale. Visioni intime ed esistenziali attraversano pratiche del mondo contemporaneo focalizzando le tre figure principi della tragedia: Clitennestra, Agamennone ed Egisto. La scrittura coreografica concretizza una partitura poetica tessendo corpo e parola come un’unica architettura. Clitennestra, Agamennone ed Egisto entrano in scena uno alla volta, mentre la loro voce fuori campo li descrive illustrando come e perché infliggere e subire violenza generi piacere: visioni intime ed esistenziali attraversano pratiche del mondo contemporaneo. Una partitura architettonica tra corpo e parola in un perfetto equilibrio tra i due elementi. 


Le trilogie
Negli ultimi anni, Cosimi ha realizzato due trilogie: “Sulle passioni dell’anima” che affronta i temi della paura collettiva, del desiderio e del dolore e “Ode alla bellezza, 3 creazioni sulla diversità”, che segna un impegno politico e sociale nella creazione, indagando la realtà delle persone senza fissa dimora, dell’omosessualità anziana, della transessualità. Ed è dal 2018 che lavora su questo ultimo progetto, riportando in primo piano la figura dell’eroe: «Ho sentito l’esigenza di rimettere in gioco questa figura, ma osservandola con un’ottica totalmente diversa, con un altro sguardo: l’eroe è adesso frantumato, rotto, in rovina, è il risultato di ciò che io sento della società, del momento che stiamo vivendo.

L’eroe oggi prova una sensazione erotica, poi una sensazione di morte: per questo ho voluto inquadrare il lavoro in una prospettiva legata alla pratica sadomasochistica. In più, rispetto al passato, ho scelto di lavorare molto anche sul testo: allora era solo il corpo che agiva, mentre in Glitter in My Tears – Agamennone abbiamo un testo composto di vari elementi: l’originale di Eschilo, le riflessioni trasversali sul sadomasochismo, i testi della poetessa Giulia Roncati, e soprattutto riferimenti biografici dei danzatori stessi», afferma il coreografo. I testi dello spettacolo sono di Enzo Cosimi, Giulia Roncati, Genesis P-Orridge, interpreti e collaborazione alla coreografia e ai testi Alice Raffaelli, Giulio Santolini, Matteo De Blasio. Lo spettacolo contiene scene di nudo integrale. Per informazioni: biglietteria del Teatro Sperimentale 0721387548.

© RIPRODUZIONE RISERVATA