Paola Salmoni, un ricordo a cento anni dalla nascita. Fu tra le prime donne a laurearsi in architettura

Paola Salmoni con Susanna Agnelli
Paola Salmoni con Susanna Agnelli
di Lucilla Niccolini
3 Minuti di Lettura
Venerdì 14 Maggio 2021, 10:10

ANCONA - A cento anni esatti dalla nascita dell’architetto Paola Salmoni, è stata annunciata una serie di manifestazioni per ricordarne la figura. L’iniziativa è partita dal Liceo Artistico Mannucci di Ancona.

Coprifuoco ore 23, la linea Draghi. Centri commerciali, matrimoni, palestre: così le riaperture

Malagò rieletto alla presidenza del Coni (55 voti) per la terza volta: «Insieme per una nuova pagina di storia». Gravina in Giunta

 

«Vogliamo rendere omaggio alla progettista dell’edificio che ci ospita fin dal 1962»: così il dirigente scolastico, Francesco Maria Orsolini, ha aperto, nell’istituto, l’incontro di presentazione.


Il magistero
«Oltre alla gratitudine che ci lega all’architetto Salmoni – ha continuato il prof Orsolini – è stato il suo magistero a indurci a collaborare con il Centro Studi per il Territorio e la Città e con la Politecnica delle Marche, per promuovere alcuni appuntamenti con il pubblico, in particolare di giovani e studenti, e richiamare alla memoria dei cittadini la sua testimonianza di vita e di professionalità». Per l’occasione è stato pubblicato, dalla casa editrice Quodlibet, un bel volume illustrato, “L’architettura civile di Paola Salmoni”, che sarà presentato il 27 maggio al Liceo Mannucci dagli autori, i giovani architetti Lorenzo Ciccarelli e Monica Prencipe.


La ricerca
«Il loro prezioso lavoro di ricerche d’archivio – ha sottolineato il professor Antonello Alici, docente di Storia dell’Architettura alla Politecnica – riporta alla luce aspetti meno noti della carriera di una professionista che, allontanata dalla scuola per le leggi razziali del 1938, riuscì a laurearsi nel 1950, tra le prime 14 donne architetto in Italia. Fu allieva di Ludovico Quaroni, compagna di corso di eminenti progettisti, con i quali avrebbe in seguito realizzato importanti opere, ad Ancona e in Italia. Il suo impegno civile, oltre che professionale, deve servire di esempio ai nostri studenti».

Gli allievi del Liceo Mannucci sono i protagonisti della commemorazione: alcuni di loro, guidati dai prof Anna Concetta Consarino e Jonathan Soverchia, stanno allestendo un video, “Le fondamenta della realtà”, che sarà presentato in autunno, al termine di un convegno, che si terrà all’aula magna di Ingegneria. Altri hanno partecipato ai bandi per l’allestimento della Biblioteca del Mannucci e della mostra che sarà inaugurata a settembre. «Mia zia Paola – osservava ieri l’architetto Vittorio Salmoni, che con la sorella Giovanna ha partecipato alla presentazione - ha raccolto in vita attestati di stima e soddisfazioni, tra cui il premio InArch, nel 1962, per il progetto di questo liceo».

Tra i tanti “segni” lasciati ad Ancona da Paola Salmoni, ricordiamo il Monumento ai caduti della Resistenza al Pincio, la sistemazione del Cimitero Ebraico e, con Danilo Guerri, il rinnovato teatro delle Muse. Ma anche sul piano politico non ha mai smesso di testimoniare il suo impegno per la parità di genere, nominata negli anni ‘80 segretaria nazionale del Movimento femminile del Partito Repubblicano. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA