Oumy N’Diaye di Civitanova Marche
vince per gli Inediti. Mogol la sceglie

Martedì 6 Novembre 2018 di Stefano Fabrizi
Tutti i partecipanti della finale di Music Gallery ad Ancona con Mogol

ANCONA «La musica va sussurrata, non urlata!», ha detto il Maestro Mogol ai 16 finalisti di Music Gallery. Forti emozioni domenica scorsa alla Galleria Auchan di Ancona, quelle provate dai concorrenti impegnati nella finalissima del concorso che, con la tappa nel capoluogo di regione, ha concluso la quarta edizione stabilendo nuovi record di presenze. Concorrenti preparatissimi che hanno entusiasmato e commosso il pubblico per l’intensità con la quale hanno eseguito i brani in concorso.
 

 



La giuria
Arduo il compito della giuria. Andrea Tonici produttore discografico e titolare dello studio di registrazione Melody Makers di Ancona, Giovanni Ceccati, musicista di lunga carriera che vanta collaborazioni ed amicizie con Sarah Jane Morris, Gloria Gaynor, Mario Biondi e tanti altri, Mauro Mazziero direttore artistico del Mugellini Festival, Marco Chiatti giornalista e musicista, Alessandra Gallicchio cantante di lunga carriera ed esperta musicale, capitanati dal poeta della musica italiana Mogol, ovvero Giulio Rapetti, hanno più volte ribadito l’alto livello raggiunto dai finalisti congratulandosi per il lavoro di organizzazione svolto da Peaktime per la produzione del fortunato concorso. 

La classifica
La ferrarese Greta Deseri di Argenta è la vincitrice della categoria “Young”. Ad 11 anni è riuscita ad incantare tutti con un’estensione vocale degna di lode. Secondo posto per il bravissimo Denis Bonjaku, emozionante al pianoforte con “La cura” di Battiato. Al terzo posto una potente Elisa Luciani, di San Benedetto del Tronto, sulle note di “Lei” reinterpretata da Laura Pausini.
Vincitrice della categoria “Editi”, Giada Tripaldi di Ravenna, con una trascinante interpretazione di “I know where I’ve been” di Queen Latifah.
Oumy N’Diaye di Civitanova Marche si è aggiudicata il primo posto per la categoria “Inediti” con “River” ed è stata scelta da Mogol per la borsa di studio presso il Cet (Centro Europeo di Toscolano). Mogol ha detto subito che era interessato a premiare un artista della categioria “inediti” ed è stato indeciso tra il gruppo di Montemarciano Red Blind e la giovane civitanovese. Ecco, comunque tutti i pratecipanti divisi per categoria. “Young”: Paola Alfano, Elisa Luciani, Denis Bonjaku e Greta Deseri; “Inediti”: Red Blind, Roberto Marilungo, Ilenia Suffredini, Paolo Fratini, Oumy n’Diaye e Sara Paniccià; “Editi”: Sofia Tornambene, Lorenzo Bigioni, Roberta Bernabei, Maria Cortesi, Giada Tripaldi e Giorgia Montevecchi. 

Tutti soddisfatti
«Spero che si ricorderanno di noi quando diventeranno famosi - ha esordito sorridendo Pasqualina La Gioia, direttrice delle Gallerie Auchan delle Marche ed ideatrice del concorso – Sono davvero felice di Music Gallery. Creare un palco e dare spazio e opportunità a queste giovani promesse per noi è stata una scommessa che ha portato grandi soddisfazioni soprattutto a livello emotivo. Stiamo già lavorando con Alvin Crescini alla prossima edizione».

Music Gallery chiude una edizione esplosiva, con oltre 200 domande di partecipazione arrivate in redazione. Come è stato rilevato il concorso è cresciuto e le domande di partecipazione sono arrivate anche da altre regioni. E, opinione comune, la semplicità e la trasparenza ne hanno fatto una vetrina trasparente e un trampolino importante fuori dagli schemi dei grandi talent televisivi. Le domande sono state vagliate dalla commissione che ha scelto i 60 semifinalisti, successivamente valutati dai giurati e dai presidenti di giuria che hanno dispensato consigli e suggerimenti ai giovani concorrenti: Vince Tempera, Red Ronnie, Lighea e Peppe Vessicchio. Music Gallery è patrocinato dal Consiglio Regionale delle Marche. Tutte le foto e curiosità su www.music-gallery.it. A raccontare la quarta edizione del concorso i media partner Radio Linea Numero Uno ed èTV. Un plauso per il presentatore David Romano e per tutto lo staff della Peaktime capitanata da un attento Alvin Crescini. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA