Marchigiano il pianista sull'Orient Express: «Qui ho conosciuto Travolta, Murray e Rockefeller che ha voluto suonassi alle sue nozze»

Martedì 4 Gennaio 2022 di Sabrina Marinelli
L'ostrense Luca Cerigioni con le sue note scandisce i lussuosi viaggi del Venice-Simplon Orient Express

OSTRA - Sono le note di Luca Cerigioni a scandire i lussuosi viaggi del Venice-Simplon Orient Express. Il 42enne di Ostra nelle scorse settimane è stato insignito dallo staff del leggendario treno come miglior pianista intrattenitore. Molto conosciuto nel territorio, anche per i concerti che tiene con la sua band, Luca Cerigioni è stato fino al 2019 il protagonista del concerto di Capodanno a Senigallia. La sua musica riempiva piazza del Duca e faceva ballare il pubblico, accompagnandolo fino al nuovo anno. Poi è arrivata la pandemia e il musicista ostrense si è concentrato soprattutto sullo studio e su brani inediti. 

 
Ha nel frattempo ripreso le trasferte sull’Orient Express e adesso non è più uno dei tanti ma il migliore. Sui social si trovano anche sue esibizioni sull’iconica locomotiva in transito. Spettacolare quella di “buonasera signorina” di Fred Buscaglione. «È molto di più di un lavoro – racconta – mi diverto molto. È un’emozione suonare in quelle carrozze piene di storia. Anche se il nome è stato rivisitato con l’aggiunta di Venice-Simplon il treno, che ora appartiene al marchio Luis Vuitton, è quello di un tempo. Le carrozze sono originali». Luca Cerigioni ha iniziato a suonare il piano a 5 anni poi si è diplomato al Conservatorio Rossini di Pesaro in pianoforte e jazz. La sua vita da musicista e cantante è stata costellata da numerosi successi fino a diventare uno dei protagonisti di una leggenda ritrovata, che ha ispirato “Assassinio sull’Orient Express” di Agatha Christie. Il debutto dell’Orient Express è avvenuto nel 1883 seguito da varie pause e cambi di gestione fino all’ultima targata Luis Vuitton. La nuova proprietà ha rispolverato i fasti del passato in chiave moderna, affiancando al fascino antico i confort attuali. 

Luca Cerigioni è stato chiamato a far parte dello staff già prima, nel 2014. «Avevo frequentato un corso di jazz con il direttore artistico che, dopo tanti anni, mi ha chiamato per chiedermi se potevo far parte della squadra e ovviamente ho accettato. C’è un team di pianisti che si dà il cambio e le tratte sono varie. Si parte sempre da Venezia e si può andare a Parigi, Praga, oppure passando da Bucarest, Budapest fino ad Istanbul. Ho una mia cuccetta ma ci vado solo a dormire, la maggior parte del tempo la passo alla carrozza bar». Viaggi suggestivi che riportano indietro nel tempo e anche molto costosi perché per una notte si possono spendere anche 12mila euro per la suite.

Nel lussuoso pacchetto offerto è compresa la musica di Luca Cerigioni che al pianoforte, mentre il treno è in transito, delizia i presenti spaziando dalla musica italiana al jazz, dal latin jazz al swing, dal pop al rock, contribuendo con le sue melodie a rendere ancora più suggestivo un viaggio iconico che, per i più, resterà solo un sogno. Nella carrozza bar ha conosciuto John Travolta, Bill Murray e infine Wyatt Rockefeller che ha voluto suonasse al suo matrimonio nel castello di Asolo, affascinato dalle sue performance sull’Orient Express.

© RIPRODUZIONE RISERVATA