Esce "Non mi uccidere", l'attrice ascolana Alice Pagani si trasforma in vampira nella risposta italiana a “Twilight”

Giovedì 1 Aprile 2021 di Filippo Ferretti
L'attrice ascolana Alice Pagani in una scena del film con Rocco Fasano

ASCOLI - Tutti immaginavano che sarebbe approdata sul set del film di Giuseppe Piccioni, “L’Ombra del giorno”, convinti che con i suoi capelli a caschetto e il suo corpo minuto sarebbe stata perfetta per interpretare nella città in cui è nata e cresciuta una giovane donna degli anni ’30. E invece Alice Pagani, nel momento del casting della pellicola ascolana era impegnata nella fine delle riprese del suo ultimo film che, a tempo di record, è stato completato ed è pronto ad uscire in tutte le piattaforme digitali.

 

Ci riferiamo a “Non mi uccidere”,  l’attesa risposta italiana alla saga di “Twilight”: film che, girato negli scorsi mesi in Trentino Alto Adige, ha deciso di rinunciare ad attendere a tutti i costi la riapertura delle sale cinematografiche. Il lavoro è firmato dal regista Andrea De Sica, figlio del musicista Manuel e nipote di Vittorio e Christian, che torna alle atmosfere montane e tenebrose del suo folgorante esordio, il pluripremiato “I figli della notte”, uscito 5 anni fa, prima che l’attrice 23enne venisse scritturata dallo stesso regista per la fortunata serie andata in onda su Netflix, “Baby”, interpretata assieme alla sua amica e collega Benedetta Porcaroli che, ironia della sorte oggi è protagonista della pellicola girata ad Ascoli. Il nuovo film vede accanto ad Alice Pagani un altro nome in grande ascesa, Rocco Fasano, già nel cast della serie “Skam Italia”, che con lei la scorsa estate aveva realizzato la campagna di Emporio Armani.

Dieci motivi per scegliere le Marche per le vacanze: alla scoperta della tradizione del vivere bene

Royal Family: le stranezze più imbarazzanti di Kate, Harry e Meghan in fatto di salute


“Non mi uccidere”, la cui uscita è stata ufficializzata ieri dalla casa produttrice Warner Bros Entertainment Italia, sarà disponibile dal prossimo 21 aprile su tutte le piattaforme digitali - Apple Tv app, Sky Primafila, Amazon Prime Video, Youtube – e permetterà di poter dar vita anche in Italia a un genere gotico con gli adolescenti come protagonisti, sinora a totale appannaggio del cinema americano. Prodotto in collaborazione con la Vivo Film, il film diretto da Andrea De Sica vuol essere un “teen drama” dove a una passionale e travolgente storia d’amore si intrecciano elementi del genere horror e thriller. Scritto da Gianni Romoli, dal collettivo Grams e dallo stesso regista, il film è ispirato al romanzo dal titolo omonimo di Chiara Palazzolo e, oltre ad Alice Pagani e Rocco Fasano, vede nel cast anche altri giovani bravissimi attori, come Silvia Calderoni, Fabrizio Ferracane, Sergio Albelli, Giacomo Ferrara e Anita Caprioli.


La storia della pellicola è inquietante e poetica al tempo stesso e vede Mirta amare Robin senza riserve. Mentre lui promette a lei amore eterno, in una notte di luna piena qualcosa cambierà per entrambi, sino a quando la ragazza non si renderà conto di essersi trasformata in una creatura che deve nutrirsi di carne umana per sopravvivere. Mirta allora, braccata da uomini misteriosi, combatterà alla disperata ricerca del suo Robin per ricongiungersi in nome di quella antica promessa. Ma in questo periodo la notorietà di Alice Pagani non brillerà solo per l’uscita di “Non mi uccidere”. Infatti, il nome dell’attrice ascolana lanciata da Paolo Sorrentino in “Loro” del 2018, figura tra quello scelto insieme ad altri importanti personaggi della settima arte nel concorso nazionale varato dall’Università Mercatorum, il grande ateneo online realizzato con l’Unione delle Camere, volto a far votare attraverso i lettori di Ciak le più luminose “star della nostra vita”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA