Nadia Toffa, il profilo twitter chiude. I fan insorgono: «Non toglieteci i suoi ricordi»

Mercoledì 4 Dicembre 2019 di Simone Pierini
Nadia Toffa, il profilo twitter chiude. I fan insorgono: «Non toglieteci i suoi ricordi»
Il profilo Twitter di Nadia Toffa sta per chiudere. L'annuncio è stato lanciato sul suo canale ufficiale contestualmente al lancio della sua fondazione. Una notizia che ha fatto insorgere i fan che attraverso i suoi tweet vivono il ricordo della presentatrice delle Iene morta lo scorso 13 agosto in seguito a una lunga battaglia contro il cancro.
LEGGI ANCHE:
Nadia Toffa, la madre ripercorre il suo calvario a Domenica In: il grande rimpianto di Mara Venier



«Con la presentazione ufficiale della Fondazione Nadia Toffa - si legge - il profilo Twitter verrà chiuso. Gli unici canali ufficiali per seguire le attività della fondazione saranno Facebook e Instagram. Un abbraccio a tutti». Il post ha ricevuto tantissimi commenti in cui viene chiesto di lasciarlo attivo per «rivivere il suo ricordo attraverso i suoi tweet»

«Non chiudete il profilo di @NadiaToffa per favore!!! Lei aveva una risposta e un pensiero per tutti, non toglieteci questo bel ricordo di lei!!!», scrivono gli utenti che implorano i gestori del suo profilo di cambiare idea. «Per favore non chiudetelo lasciate cone ricordo di Nadia i suoi tweet in modo da poterli leggere e rileggere [❤️]», commentano i suoi fan. E ancora: «No no, non potete farci questo! Qui ci sono cose scritte da Nadia, ci sono i suoi ricordi. Per favore, non chiudetelo
[❤️]»

 

LA FONDAZIONE NADIA TOFFA
È stata presentata ieri mattina a Palazzo Loggia a Brescia la fondazione in memoria di Nadia Toffa. «Nadia nella sua vita si è sempre battuta per far sentire la voce di chi non viene ascoltato, per portare alla luce questioni lasciate ai margini e per dare un aiuto concreto. Con questi stessi valori diamo vita alla fondazione» ha detto Margherita Rebuffoni, la madre di Nadia Toffa, presente con con il marito e le altre due figlie accanto al sindaco di Brescia Emilio Del Bono.

La fondazione in particolare si concentrerà su tre ambiti: la salute e l'ambiente e il sociale. Tre ad oggi i principali destinatari individuati: per primo l'Istituto neurologico Carlo Besta di Milano, dove Nadia è stata in cura, poi il reparto di oncoematologia pediatrica dell'ospedale Annunziata di Taranto e alcune associazioni che operano nel territorio della Terra dei fuochi. Per il prossimo 15 giugno è stato già organizzato un evento benefico che si terrà al museo Santa Giulia di Brescia e tutti i fondi saranno devoluti per la ricerca contro il cancro. «Mai mi sarei aspettata così tanto sostegno dopo la morte di Nadia» ha detto la mamma di Nadia Toffa. 

  Ultimo aggiornamento: 11:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA