Musicultura, otto vincitori spiccano il volo. Gli artisti si esibiranno allo Sferisterio il 24 e 25 giugno

I vincitori di Musicultura con organizzatori e presentatori
I vincitori di Musicultura con organizzatori e presentatori
di Chiara Morini
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 8 Giugno 2022, 19:18

Sono rimasti in otto, e sono i vincitori dell’edizione numero 33 di Musicultura: sul palco dello Sferisterio di Macerata, il 24 e 25 giugno saliranno Emit, Isotta, Cassandra Raffaele, Valeria Sturba, The Morbelli, Martina Vinci, Y0, e Yosh Whale. Saranno loro a contendersi il titolo di vincitore assoluto.

I vincitori
L’annuncio ieri mattina, a Roma, nella sala Rai di via Asiago. «Tutti loro meritano un applauso – ha detto il direttore artistico Ezio Nannipieri – le loro 8 canzoni sono state scelte tra 1086 candidati. A loro dico: vi aspettiamo allo Sferisterio, lì ci sarà il voto popolare e sarà decretato il vincitore assoluto, che porterà a casa il premio Banca Macerata di 20mila euro». Il Festival della canzone popolare e d’autore di Macerata, nato a Recanati, c’è da oltre tre decadi e nel corso degli anni, ha sottolineato Nannipieri, «è stato segnato dall’accelerazione tecnologica. La settimana dal 20 al 25 giugno sarà l’apice del lavoro di un intero anno».


Tecnologia sì, ma di qualità e questo l’ha ribadito anche Enrico Ruggeri, presentatore per la quarta volta, affiancato ancora da Veronica Maya, e membro del comitato di garanzia. «Oggi – la sua riflessione – sembra che il successo e i soldi siano i veri valori del fare musica. La musica però dovrebbero farla coloro che hanno qualcosa da dire, da comunicare, da esprimere. E in questo trovo che Musicultura sia una palestra di vita. Come membro del comitato di garanzia, posso dire che gli otto vincitori sono di assoluta qualità: quest’anno sono arrivati in finale quelli che mi piacciono». Lo scorso anno, sul palco, Ruggeri coinvolse Veronica Maya in un duetto con lui. «Chissà cosa faremo quest’anno – ha detto la Maya – vedremo con gli autori. Di certo Musicultura è una bella famiglia, che ospita anche tanti giganti, come Enrico. I giovani artisti sono ragazzi fortunati, perché qui a Musicultura si cresce senza la pressione che si può trovare in alcuni talent. Al di là di chi sarà il vincitore assoluto, tutti porteranno a casa una bella esperienza».


Gli ospiti
Quella che sta per arrivare, ha ribadito Nannipieri, «sarà un’edizione speciale», e non solo per il ritorno della piena capienza, ma anche perché ai vincitori saranno affiancati ospiti di rilievo particolarmente significativi, anche se in alcuni casi non molto conosciuti. Solo per ricordare alcuni dei nomi presenti nelle due serate finali, ci saranno Manuel Agnelli, i Litfiba, Ditonellapiaga, Gianluca Grignani, ma anche i Violons Barbares e Dakhabrakha. Prima delle finali, ci saranno gli eventi della Controra, che porteranno a Macerata, tra gli altri, Pupi Avati, Guido Harari, Filippo Graziani poi nella prima sera l’esibizione di tutti e otto i vincitori. Il voto del pubblico ne manderà avanti quattro, che canteranno ancora il 25 giugno: saranno votati e uno di loro vincerà il primo premio. Gli eventi andranno in diretta radiofonica su Rai radio 1. «Musicultura – il commento dell’assessore regionale Giorgia Latini – è uno straordinario veicolo per le Marche». Musicultura segna il ritorno della capienza massima allo Sferisterio e per il sindaco di Macerata, Sandro Parcaroli, farlo con «Musicultura è un grande orgoglio, perché la canzone d’autore ha dato molto a Macerata». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA