La Banda Osiris e tanti artisti internazionali al Veregra Street Festival

Sabato 5 Settembre 2020 di Chiara Morini
La Banda Osiris

MONTEGRANARO - Teatro di strada, musica, varietà, cabaret, spettacoli di magia e molto altro ancora: è iniziato il conto alla rovescia per l’edizione numero 22 del Veregra Street, il festival internazionale dell’arte di strada a Montegranaro dal 10 al 13 settembre. 
Dopo l’anteprima del Veregra Children, con spettacoli per ragazzi da domenica 6 a martedì 8, quattro piazze della città si trasformeranno in altrettanti teatri all’aperto con posti a sedere e già assegnati dietro prenotazione. Piazza Mazzini, largo Conti, piazza San Serafino, il Campo dei Tigli e, eccezionalmente quest’anno anche la chiesa di San Filippo e Giacomo, ospiteranno dal pomeriggio alla sera spettacoli di ogni genere. Quest’anno, spiega il direttore artistico Giuseppe Nuciari, «nell’ambito del bando internazionale ci saranno tre spettacoli con altrettanti compagnie che arriveranno dalla Germania».
Non sono solo tedeschi. Jay Toor, Djuggledy, Strange comedy, Ernesto Planas, sono alcuni dei nomi internazionali. Questi, insieme a Les Tableaux, lo spettacolo evento, con la tecnica dei tableaux viventi dedicati a Caravaggio, che andrà in scena alla chiesa di San Filippo e Giacomo (12 e 13 settembre), e ad altri artisti, daranno il respiro internazionale al festival veregrense. Non solo, perché a comporre il puzzle della quarantina di spettacoli in quattro giorni, ci saranno anche rinomate compagnie e importanti artisti italiani. Non poteva mancare Piero Massimo Macchini (10, 11 e 12 settembre). L’11 settembre arriveranno Matthias Martelli che presenta (ore 19 e 21,35) uno spettacolo tratto da Mistero Buffo, la Banda Osiris, che quest’anno festeggia i primi 40 anni, la compagnia dei Folli con la loro nuova produzione, gli Eccentrici Dadarò. Sabato 12 ci saranno gli Eventi verticali, che torneranno anche domenica, e gli Jashgawroski Brothers.
Tutti spettacoli sono prenotabili sull’app SmartMarca o sul sito Eventbrite. «Saranno rispettate tutte le norme, farò anche un’ordinanza sull’obbligo della mascherina» annuncia la sindaca Ediana Mancini. «Un po’ più ridotta rispetto a tutte le altre, ma la cultura e il turismo sono importanti» le fa eco il vice Endrio Ubaldi. «Toni ridotti ma in sicurezza, questo festival soddisfa la voglia di normalità» chiude l’assessora Cristiana Puggioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA