Miami, agguato al rapper Baby Cino appena uscito dal carcere: ucciso in una sparatoria

Il rapper è stato ucciso in un agguato pochi minuti dopo essere stato rilasciato dal carcere

Sabato 19 Marzo 2022
Il rapper 20enne Baby Cino ucciso in una sparatoria a Miami

Ucciso in un agguato appena uscito di prigione. E’ morto in una sparatoria sulla superstrada del Palmetto a Miami in Florida il rapper 20enne Baby Cino noto per la canzone "Big Haiti Shottas”. All’uscita dal carcere il musicista era salito sull’auto di un amico una Nissan rossa e stava tornando a casa, quando è stato avvicinato da un altro veicolo che ha aperto il fuoco uccidendolo. Almeno 40 i colpi esplosi contro l’auto su cui viaggiava Timothy Starks vero nome di Baby Cino che è stato colpito diverse volte, anche alla testa, riporta l'Independent. Nell'agguato è rimasto ferito Dante Collins Banks l'amico che era andato a prendere il rapper in macchina: è stato medicato in ospedale dopo essere stato colpito all'addome. Secondo quanto riferito dagli agenti del dipartimento di polizia di Miami-Dade «un veicolo di colore scuro è stato visto fuggire dall'area ad alta velocità».

 

 

Secondo quanto riporta il Guardian, Baby Cino era stato arrestato martedì dalla polizia di Miami alle 2 del mattino a Opa-locka, dopo esser stato fermato per aver guidato con una targa oscurata. E' stato poi arrestato perché durante la perquisizione dell'auto, la polizia aveva trovato una pistola Glock 32 completamente carica. Rilasciato su cauzione con aveva lasciato la prigione, il Turner Guilford Knight Correctional Center, alle 14 di mercoledì. Pochi minuti prima di essere ucciso nella sparatoria in autostrada. Le forze dell'ordine, secondo quanto riferito dall'Herald, stanno indagando su possibili collegamenti tra la sparatoria e precedenti incidenti tra bande di strada.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA