Marina Ripa di Meana, il ricordo di Patrizia De Blanck a "Oggi è un altro giorno": «Le ho dato un calcio in cul*!»

A “Oggi è un altro giorno” di Serena Bortone su RaiUno il ricordo di Marina Ripa di Meana, che oggi avrebbe compiuto ottant’anni

Giovedì 21 Ottobre 2021
A Oggi è un altro giorno di Serena Bortone su RaiUno il ricordo di Marina Ripa di Meana. Tra gli ospiti la contessa Patrizia De Blanck

A “Oggi è un altro giorno” di Serena Bortone su RaiUno il ricordo di Marina Ripa di Meana, che oggi avrebbe compiuto ottant’anni. A partecipare al ricordo anche una sua grande amica, la contessa Patrizia De Blanck, che ha raccontato alcune delle loro avventure.

 

 

 

 

A “Oggi è un altro giorno” di Serena Bortone su RaiUno il ricordo di Marina Ripa di Meana. Tra gli ospiti la contessa Patrizia De Blanck

 

 

Marina Ripa di Meana, il ricordo a "Oggi è un altro giorno".

 

 

A “Oggi è un altro giorno” di Serena Bortone su RaiUno il ricordo di Marina Ripa di Meana, che oggi avrebbe compiuto ottant’anni. La contessa Patrizia De Blanck è stata una sua grande amica: «Ci siamo conosciute a Villa Borghese - ha raccontato - dove ci sono i pony, portavamo i bambini. Abbiamo vissuto tante cose assieme, alcune inenarrabili, penso spesso a lei. Ci univa anche l’amore per gli animali, specialmente per i cani, in fondo dopo aver conosciuto tanti uomini… Racconto un aneddoto, lei aveva un corteggiatore inglese molto facoltoso, siamo andate a trovarlo con un aereo privato. Come siamo arrivate l’hanno arrestato, nel primo pomeriggio. Non sapevamo cosa fare, allora per tornare abbiamo trovato un volo orribile, un aereo con bambini che correvano urlando nel corridoio, e Marina mi disse: “Siamo partiti per i rubini, siamo tornati con i burini”...».

 

Fra Patrizia De Blanck e Marina Ripa di Meana anche una lite: «Abbiamo litigato per le pellicce, lei era contro. Noi andavamo a cena in un ristorante e una sera mi vede entrare con una pelliccia di zibellino. Mi viene incontro e mi salta addosso cercando di strapparmela, allora l’ho fermata con un calcio un cul* e un pugno sulk mento. Abbiamo litigato, poi mi ha chiamato e abbiamo fatto pace».

Un ricordo di Marina Ripa di Meana anche la giornalista Candida Morvillo, che ha raccontato un aneddoto legato a Gianni Agnelli: «Lui passò senza preavviso nella sua villa. Entra arriva e la trova a letto con uno scultore e un altro artista. La guarda e le dice: “Me ne vado.. Siamo già in troppi”. Lei però ha sempre resistito al suo fascino, come a quello di Vittorio Gassman, Alberto Sordi e Moravia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA