Maneskin, Damiano risponde agli insulti social dopo il “fuck Putin": «Benvenuti in Italia»

Maneskin "servitori di Satana", Damiano risponde agli insulti social dopo il concerto contro Putin: «Bevenuti in Italia»
Maneskin "servitori di Satana", Damiano risponde agli insulti social dopo il concerto contro Putin: «Bevenuti in Italia»
3 Minuti di Lettura
Martedì 19 Aprile 2022, 15:13

Polemica social dopo il concerto dei Maneskin e il "vaffa" del frontman Damiano a Putin per la guerra in Ucraina. Il cantante ha raccolto una serie di insulti e li ha pubblicati sul suo profilo Instagram e ha poi risposto con un sintetico e sarcastico «Benvenuti in Italia». Gli utenti che lo hanno attaccato hanno mostrato posizioni filorusse, mentre Chef Rubio ha tirato in ballo la Palestina.

LEGGI ANCHE   

Nina Moric, l'annuncio choc l'ex di Corona su Instagram: «Non mi vedrete mai più». Il messaggio spaventa i fan: «Stai per suicidarti?»

I Maneskin hanno conquistato il mondo e dal palco del Coachella Festival in California hanno mandato un messaggio a favore dell'Ucraina e contro Putin suscitando la gratitudine del Parlamento di Kiev e qualche mal di stomaco in chi sostiene il Cremlino. La presa di posizione netta a favore dell'Ucraina è stata espressa nella loro nuova canzone 'Gasoline'.  Damiano ha poi urlato «Ucraina libera, f..k Putin».

 «Ma quanto è pagliaccio Damiano dei Maneskin da 1 a 10? Incredibile», scrive qualcuno. «Una band di pagliacci costruiti non veri per un popolino ignorante. Fuck Maneskin», scrive un altro utente. Anche Chef Rubio ha attaccato la band: «In Palestina ci sarebbero pure persone dalle gambe più belle delle tue Damià, è che je sparano e quindi al massimo ne hanno una visto che di solito per come è ridotta l’altra la devono amputare. Grr quanto siete ribelli cazzo». E ancora: «Sarebbe bello che i Maneskin, vista la visibilità che hanno, scrivessero e cantassero una canzone per Gaza, per la Palestina e invitassero a boicottare sotto tutti i fronti Israele». E c'è pure chi li paragona a "servitori di Satana". Damiano ha voluto così rispondere ai suoi connazionali. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA