Musicultura boom, le audizioni live seguite da oltre mezzo milione di persone sui social

Mercoledì 31 Marzo 2021
Il direttore artistico Ezio Nannipieri nel Teatro Lauro Rossi di Macerata

MACERATA - Con oltre mezzo milione di persone che hanno seguito le audizioni live sui canali social e attraverso le dirette streaming di Facebook, Musicultura vince la scommessa contro tutte le varianti Covid e, tra canzoni e tamponi, chiude con successo la maratona di dieci giorni consecutivi di musica dal vivo.

 

 

Per la seconda volta, nei tempi pandemici che stiamo attraversando, il Festival della canzone popolare e d’autore ha riportato in vita la musica live. Dopo averlo fatto lo scorso anno a Recanati, assieme a Rai Radio 1, con il concerto dei 16 finalisti, Musicultura ci è riuscita di nuovo nelle dieci serate consecutive di spettacolo tenutesi al Teatro Lauro Rossi di Macerata (dal 19 al 28 marzo), per le audizioni live dei 63 artisti in gara, selezionati sugli oltre mille iscritti al concorso 2021. Un evento crossmediale che ha coinvolto, in totale sicurezza, oltre 500 persone tra artisti, musicisti, tecnici e personale addetto ai lavori.


«Abbiamo dimostrato che suonare dal vivo in zona rossa è possibile - ha commentato il direttore artistico Ezio Nannipieri – siamo felici per la levatura artistico-espressiva delle proposte, per la qualità dello streaming e per la vasta platea digitale raggiunta. Ma la cosa per me più toccante è stato percepire le emozioni e i sentimenti nel petto degli artisti e dei tecnici che tornavano ad appropriarsi di gesti che non eseguivano da troppo tempo».
Tanti gli ospiti che sono intervenuti in collegamento durante le serate, a cominciare da La Rappresentante di Lista e Margherita Vicario a testimonianza del loro percorso partito proprio da Musicultura, l’attrice Giulia Grandinetti, il poeta filastrocchiere Bruno Tognolini, John Vignola Duccio Pasqua e Marcella Sullo di Rai Radio 1, il poeta americano Ron Padgett e, tra i membri del Comitato di Garanzia di Musicultura, Antonio Rezza, Diego Bianchi alias Zoro ed Enrico Ruggeri che è anche stato il conduttore delle serate finali delle ultime due edizioni del festival.

Nel corso della maratona musicale, il pubblico ha potuto votare ogni sera la proposta artistica preferita e assegnare la Targa Banca Macerata, un riconoscimento non valido ai fini del proseguimento del concorso, ma che rappresenta un ambito premio per i giovani artisti. Ecco chi sono e da dove vengono i dieci premiati dal pubblico: Luk (Napoli) Henna (Sondrio/Milano) Gaia Gentile (Bari) Miglio (Brescia/Bologna) Assurditè (Milano) Dealer (Domodossola) Queen Of Saba (Venezia) Buva (Cerignola, FG) Ziliani (Trento) e Francesca Sarasso (Vercelli).
Nelle prossime settimane, Musicultura designerà i nomi dei 16 artisti che proseguiranno l’iter del concorso.

I 16 finalisti verranno presentati in un concerto live al Teatro Persiani di Recanati. Otto saranno i vincitori finali di Musicultura 2021, due eletti dal pubblico dei social, i rimanenti sei scelti dal prestigioso Comitato artistico di garanzia composto da: Claudio Baglioni, Vasco Rossi, Giorgia, Roberto Vecchioni, Carmen Consoli, Simone Cristicchi, Gaetano Curreri, Brunori Sas, Diego Bianchi, Francesco Bianconi, Luca Carboni, Francesca Archibugi, Enzo Avitabile, Alessandro Carrera, Guido Catalano, Ennio Cavalli, Teresa De Sio, Niccolò Fabi, Frankie hi-nrg mc, Dacia Maraini, Mariella Nava, Gino Paoli, Antonio Rezza, Ron, Enrico Ruggeri, Tosca, Paola Turci, Sandro Veronesi, Riccardo Zanotti. Il cammino di Musicultura 2021 terminerà a giugno, nella settimana tra il 14 e il 19, quando nel centro storico di Macerata si dissemineranno i variegati appuntamenti della Controra e lo Sferisterio ospiterà le serate conclusive del festival.

© RIPRODUZIONE RISERVATA