Belli a Loreto in “Ora X: Inferno di Dante” per il festival “Un Ponte tra Culture”

Domenica 11 Luglio 2021
La maschera di Dante

LORETO - Matteo Belli è in scena a Loreto domani, lunedì 12 luglio (Piazzale Crocifisso, ore 21,30), con lo spettacolo “Ora X: Inferno di Dante” scritto dallo stesso attore bolognese, esperto di ricerca vocale, sui testi del Sommo poeta. Proposto in collaborazione con l’Amat nell’ambito del Festival “Un Ponte tra Culture” realizzato da Comune e Ponte tra Culture Soc. Coop., lo spettacolo, inizialmente programmato per oggi, domenica 11, è stato rinviato per la concomitanza con la partita della Nazionale alla finale degli Europei di calcio.
Un banco di scuola al centro della scena. Attorno ad esso, gli eventi vissuti, sognati e immaginati che hanno condotto uno studente qualsiasi ad occuparsi oggi, come teatrante, dell’Inferno di Dante Alighieri. Un percorso che Belli compie attraversando alcuni dei luoghi della prima cantica della Commedia, con il piacere e l’emozione per una sfida personale non più rimandabile nel tentare di portare ai sensi dell’orecchio e dell’occhio moderno i versi classici più alti della storia letteraria italiana. La dizione a memoria dell’attore non dimentica mai che la terzina di endecasillabi , con la sua musicalità, è luogo di un impegnativo ma eccitante “gioco” teatrale. Un gioco in cui, sia chi dice che chi ascolta, accetta di vivere una trasformazione che dalla lettura della pagina lo trasporti sulla scena dell’evento agito, interpretato, quindi rivissuto. Quello che si offre è Dante poeta della rappresentazione, summa compiuta di un universo culturale concluso ma anche sempre vivo e sensibile ai tentativi di restituzione realistica e “materica” di un’umanità eternata nelle proprie forme di caducità esemplare. 
È in questa chiave di lettura del verso dantesco che vengono interpretate le vicende dell’ingresso nella selva oscura, l’incontro con Virgilio, il dramma d’amore di Paolo e Francesca, la fierezza della passione politica di Farinata degli Uberti, la struggente malinconia nel suicidio di Pier della Vigna, il supplizio diabolico ai danni di un barattiere, il “folle volo” di Ulisse, la macabra fine del Conte Ugolino. Un incontro per cercare di ritrovare le motivazioni della pagina letteraria al di fuori di essa, nel diretto ed immediato rapporto comunicativo tra interprete e spettatore. Biglietti posto unico 2 euro, info: 0712072439 o 0712075880.

© RIPRODUZIONE RISERVATA