Laura Pausini annuncia un docufilm per Amazon: «C’era una cosa che non avevo mai raccontato...»

Martedì 20 Luglio 2021 di Mattia Marzi
Laura Pausini, annuncia un docu-film su Amazon Prime Video: «C era una cosa che non avevo mai raccontato che desideravo condividere»

Dopo il mancato Oscar per "Io sì (Seen)", la canzone interpretata nel film "La vita davanti a sé" di Edoardo Ponti con Sophia Loren, Laura Pausini non demorde. Anzi, rilancia. Annunciando la collaborazione con Amazon Prime Video per un film originale che la vedrà protagonista. Sarà disponibile in esclusiva su Prime Video in 240 paesi e territori in tutto il mondo. Arriverà in concomitanza con il nuovo album di inediti della voce de "La solitudine", nel 2022 (con molta probabilità le canzoni faranno da colonna sonora al film). E a ridosso dei festeggiamenti per il trentennale di carriera: era il 1993 quando, appena 18enne, la cantante di Solarolo conquistava gli italiani con la sua "La solitudine", prima classificata tra le "Nuove Proposte" al Festival di Sanremo.

 

 

L'operazione è a metà strada tra il documentario e il biopic, così come vengono chiamati i film biografici che raccontano la vita di un personaggio. Il progetto è nato da un'idea originale della stessa Pausini, 47 anni compiuti a maggio, 70 milioni di copie vendute in tutto il mondo ad oggi. La cantante ci ha lavorato con un team importante. Il film è stato scritto da Ivan Cotroneo insieme a Monica Rametta. La fotografia è di Gherardo Gossi ("Diaz", "Le sorelle Macaluso"). Lo stesso Cotroneo, già sceneggiatore di film come "Questo piccolo grande amore" (ispirato al disco di Baglioni), "Mine vaganti" di Ferzan Özpetek e poi dietro la cinepresa per pellicole come "La kryptonite nella borsa" e "Un bacio", è il regista del film.

 

 

 

Nella produzione è coinvolta anche Endemol Shine Italy, grossa società che con Amazon ha recentemente collaborato per format come "LOL - Chi ride è fuori".  Stando alle anticipazioni, la pellicola svelerà scorci inediti della vita privata e professionale di Laura Pausini, che racconta: «Da tempo ricevevo proposte per un mio progetto cinematografico ma non trovavo nulla che mi sembrasse così speciale da dedicargli tempo ed energie. Cercavo qualcosa di innovativo nelle sceneggiature che mi proponevano, ma non sentivo nessuna urgenza di raccontarmi.

 

 

 

Poi, a febbraio del 2020, ho incontrato Amazon Studios e, in una delle nostre riunioni, ho capito che c’era una cosa che non avevo mai raccontato, una cosa per me importante e che finalmente desideravo condividere. Sono felice che da subito abbiano supportato la mia idea artistica con entusiasmo; cercheremo di raccontarla nel modo che sento più sincero, come faccio da sempre con la musica, questa volta con tutta la passione che ho per il cinema. Poco prima della vittoria dei Golden Globe, ho iniziato a lavorare con uno degli autori e registi italiani che stimo di più e dalla nostra collaborazione è nata questa follia che mi sto apprestando ad affrontare con grande dedizione e che sono certa stupirà anche quelli che credono di conoscermi bene».  Il primo incontro tra Laura Pausini e il mondo del cinema risale al 1999, quando la cantante incise il brano "One More Time" per la colonna sonora del film "Le parole che non ti ho detto", con Kevin Costner e Paul Newman. Nel 2000 una sua canzone, "The Extra Mile", finì anche nella colonna sonora di un film della saga dei Pokémon, "La forza di uno". Sei anni più tardi, nel pieno boom del successo internazionale, suggellato anche dalla vittoria del Grammy Award nella categoria "Miglior album pop latino dell'anno" con "Escucha" (fu la prima donna italiana a ricevere quel premio), la sua cover di "Come il sole all'improvviso" di Zucchero venne usata come colonna sonora di "Salvatore - Questa è la vita", primo film italiano targato Disney. Bertolucci la cercò chiedendole di interpretare Maria Callas in un biopic dedicato alla grande soprano, ma la Pausini declinò l'invito dicendosi non ancora pronta ad un'esperienza del genere.  «Siamo onorati di accogliere nella famiglia di Amazon Studios un’artista straordinaria, amata e apprezzata in tutto il mondo - fanno sapere dagli Amazon Studios - il nostro nuovo film Amazon Original italiano sarà un progetto innovativo e siamo felici di lavorare con i creatori e i talenti più brillanti e innovatori per creare una storia coinvolgente e unica per i nostri clienti.

 

 

 

Siamo certi che gli spettatori di Prime Video in tutto il mondo saranno rapiti dalla storia incredibile che racconteremo con Laura». Nicole Morganti, Head of Amazon Originals Italia, la mentre dietro l'operazione che ha portato la piattaforma a far firmare ad Achille Lauro un overall deal, commenta: «Questo progetto riflette perfettamente le nostre ambizioni ad Amazon Studios in Italia: dar vita a storie in modo innovativo per sorprendere e appassionare il pubblico. Siamo entusiasti di lavorare a questa ambiziosa produzione che sperimenterà come mai prima con la prospettiva e la narrazione. Siamo onorati di collaborare con un’artista incredibilmente talentuosa come Laura, con un team creativo eccellente capitanato da Ivan Cotroneo e con un grande partner produttivo come Endemol Shine Italy. Grazie al talento di questa straordinaria squadra offriremo agli spettatori in Italia e nel mondo la storia di una donna e un’artista che ha fatto della propria empatia, creatività e del proprio straodinario talento la sua grande forza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA