Monsano Folk Festival alla Mole Vanvitelliana di Ancona, La Macina ricorda il grande poeta Scarabicchi

Martedì 17 Agosto 2021
Francesco Scarabicchi con Gastone Pietrucci

ANCONA - Il Monsano Folk Festival, dopo il riposo del Ferragosto, riprende il suo percorso approdando oggi alle 21,30 ad Ancona con una delle serate clou di tutto il festival. Infatti, presenta, in collaborazione con il Comune di Ancona uno straordinario  Concerto-poesia del ricordo nella spettacolare sede della Mole Vanvitelliana con La Macina per Francesco Scarabicchi, in “Nave che porti al niente”, con l‘amichevole partecipazione straordinaria di Massimo Raffaeli, Liana De Gregorio Scarabicchi, Giacomo Scarabicchi e Allì Caracciolo.

 

 
Senza Francesco Scarabicchi la terra è ancora più povera e desolata. «È stata una delle voci più limpide della nostra poesia […]uno dei rari poeti italiani che in una lunga e persino implacabile maturazione abbiano tenuto fede alla propria originalità espressiva , vale a dire l’essenzialità di segno che ne fa riconoscere subito la voce», come ha scritto Massimo Raffaeli. Francesco amava La Macina e La Macina amava e stimava Francesco. «Con lui - si afferma in una nota - abbiamo collaborato per tanti lavori memorabili. In occasione dei festeggiamenti per i quaranta anni di attività del gruppo marchigiano, nell’evento speciale del Concerto, La Macina. Un canto d’amore lungo 40 anni, al Teatro delle Muse di Ancona nel 2008, ci ha letto e regalato la sua “Nave che porti al niente”, appositamente scritta per La Macina e da questa musicata. Da oggi in poi, tutti i concerti de La Macina inizieranno o si concluderanno con la sua “Nave che porti al niente”, e con lo stesso titolo, abbiamo preparato questo grande ricordo, un Concerto-poesia che vedrà la partecipazione straordinaria del critico letterario Massimo Raffaeli, della poetessa, regista, fondatrice dello Sperimentale Teatro A, Allì Caracciolo, della moglie Liana De Gregorio Scarabicchi, come voce recitante di alcune tra le più belle liriche di Francesco, e dove sarà proiettato “Lui è mio padre”, uno struggente documentario su Francesco, girato in questi ultimi anni dal figlio Giacomo. Le foto a corredo della serata sarà opera di Giandomenico Papa, altro grande amico di Francesco».


Un ricordo doveroso, ad Ancona, anche grazie al Comune, su quel palco naturale che è la Mole Vanvitelliana e che sarà per Francesco come un “ritornare a casa”, con e tra gli amici più cari e con quel pubblico che l’ha tanto apprezzato e amato. Concerto a ingresso libero con prenotazione obbligatoria: 3356444547, e-mail: g.cellinese@alice.it e con presentazione del green pass. In caso di maltempo il concerto si effettuerà nell’auditorium della Mole.

© RIPRODUZIONE RISERVATA