Con Dante a riveder le stelle, La Macina di Pietrucci sul palco del Teatro Il Piccolo di Jesi: «Sarà un collage di parole, musiche e atmosfere»

I musicisti del gruppo storico La Macina
I musicisti del gruppo storico La Macina
di Saverio Spadavecchia
3 Minuti di Lettura
Sabato 19 Marzo 2022, 03:50

JESI - Un viaggio atipico nella poetica dantesca tra musica, parole e immagini: “Riveder le stelle - Collages Dantis (Atmosfere e suggestioni per vocalità visioni musica)” è una nuova produzione de La Macina e dello Sperimentale Teatro A, due gruppi “storici”, rispettivamente del folk italiano, diretto da Gastone Pietrucci e del teatro di sperimentazione diretto da Allì Caracciolo. Domani, domenica 20 marzo, alle 17, ospitati dal palco del Teatro Il Piccolo di Jesi saliranno sul palco i sei musicisti de La Macina, con la partecipazione straordinaria di Maria Novella Gobbi, Allì Caracciolo e della piccola Camilla Sileoni in qualità di voci recitanti.


Durante tutto il concerto saranno proiettati ben 130 collage di Gastone Pietrucci. «Questo Dante – spiega Gastone Pietrucci, voce e fondatore de La Macina – sarà un collage di parole, musiche ed atmosfere. Una versione nuova, per un personaggio lontano e vicinissimo. Il lavoro che è stato fatto a tutti i livelli è stato davvero incredibile. Ci tengo molto, così come tutte le persone che hanno collaborato alla realizzazione di questo progetto». A rendere ancora più avvincente la rappresentazione ci saranno le opere di Pietrucci, e parte di loro saranno protagoniste di una mostra antologica che verrà inaugurata venerdì 25 marzo alle 17,30 a Palazzo Bisaccioni di Jesi. «Per questo concerto – prosegue Pietrucci, voce e fondatore de La Macina – ho composto 130 collage che verranno proiettati durante l’evento. Verranno commentati da musica e parole, frammenti di Dante per un viaggio nella storia». 


«Lo spettacolo – spiega Allì Caracciolo - si basa su un’idea di fondo: in luogo della classica Lectura Dantis, creare delle suggestioni dall’Opera dantesca che ne evochino le atmosfere poetiche, lo spirito, i profondi sensi civili, politici, i valori morali, l’alta visione, in una tessitura unitaria che affianchi alla interpretazione attoriale dei testi danteschi quella musicale e il canto, creando suggestioni diverse veicolate da diversi linguaggi in uno straordinario collage di poesia vocalità musica, visioni di immagini sonore». Il progetto, “Riveder le stelle - Collages Dantis”, è nato con il contributo e il patrocinio dal Comune e dall’Assessorato alla Cultura di Jesi, a conclusione delle celebrazioni dei settecento anni della morte di Dante Alighieri. «Come Macina – conclude – abbiamo musicato tre brani della poetica dantesca ed è un progetto a cui teniamo molto. Il pubblico ha risposto piuttosto bene dal punto di vista delle prevendite visto che sono pochi i biglietti ancora disponibili».


Spettacolo con limitati posti a sedere e pochi biglietti in prevendita ancora disponibili. Consigliata la prenotazione del posto (biglietto a 5 euro).

© RIPRODUZIONE RISERVATA