Folco Portinari è morto, pioniere della Rai
degli anni '50, fondò Slow Food

Sabato 12 Gennaio 2019
E' morto a 92 anni lo scrittore, saggista, poeta e docente universitario Folco Portinari, pioniere della Rai degli anni '50, studioso di Alessandro Manzoni e della civiltà letteraria dell'Ottocento, gran gourmet e gastronomo a cui si deve, insieme a Carlo Petrini, la stesura del Manifesto fondativo di Slow Food nel 1987. Portinari, ha reso noto la famiglia, è morto a Milano e le esequie si svolgeranno lunedì 14 gennaio alle 14 presso la casa funeraria San Siro, in via Corelli. Era nato a Cambiano (Torino) il 25 gennaio 1926 e dal 1977 risiedeva a Milano. Ha insegnato storia della letteratura moderna e contemporanea italiana all'Università di Torino e ha pubblicato saggi e monografie su autori della letteratura italiana dell'Ottocento e Novecento. Dall'amicizia e dalla frequentazione tra Portinari e Petrini nacque il manifesto di Slow Food, scritto in prosa poetica da Folco nel 1987: un documento rivoluzionario, oggi conosciuto in tutto il mondo, che ha contribuito a far prendere coscienza della dignità del proprio lavoro a generazioni di gastronomi, contadini, artigiani. Portinari si è occupato come studioso di temi e aspetti legati alla cultura del cibo e dell'alimentazione anche con la pubblicazione di libri. Ultimo aggiornamento: 18:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA