Diabolik premiato al Festival delle forze dell'ordine. Un riconoscimento anche a Lucia Mascino per il commissario Fusco

Lucia Mascino e Antonio Manetti premiati a Pesaro
Lucia Mascino e Antonio Manetti premiati a Pesaro
di Elisabetta Marsigli
3 Minuti di Lettura
Domenica 11 Settembre 2022, 05:00

Lucia Mascino e Antonio Manetti hanno inaugurato, venerdì sera a Pesaro, la XXVI edizione dell’International Police Award Arts Festival, ricevendo il prestigioso Premio Apoxiomeno, come miglior attrice e miglior regista. Il festival, che proseguirà fino al 18 settembre al teatro Sperimentale, celebra infatti la missione delle forze dell’ordine letta attraverso la sua rappresentazione nel cinema, nella tv, la letteratura, nell’arte, nella musica e nello sport.

Nell’accettare il premio, per la sua interpretazione del commissario Fusco ne “I delitti del Barlume”, la Mascino, che ha appena terminato di girare 3 nuovi episodi della fortunata serie, ne ha sottolineato l’originalità: «Non esisteva una serie gialla comica, quando abbiamo iniziato, e non esisteva un personaggio come il mio e di questo ne vado fiera. Non così ironico, non in grado di sdrammatizzare e non, in fondo, così umano. Un telefilm leggero, ma un personaggio che si basa su un senso di giustizia che in qualche modo mi risuona».


Il trailer
La presenza di Antonio Manetti è stata occasione per presentare il trailer del nuovo e attesissimo secondo film dedicato a Diabolik, anticipandone la trilogia. «È strano essere ad un festival delle forze dell’ordine con Diabolik, il più grande dei ladri», ha scherzato subito Manetti. «Diabolik non poteva essere un film solo, data la sua natura di fumetto seriale: da subito avevamo pensato ad un seguito. A causa del ritardo del primo (bloccato dalla pandemia) alla fine abbiamo deciso, con Rai cinema, di girare anche gli altri due e sono già pronti entrambi.

“Ginko all’attacco!” uscirà il 17 novembre e data l’indisponibilità dell’attore Luca Marinelli (Diabolik) abbiamo dovuto scegliere un attore italo canadese Giacomo Gianniotti, tra i protagonisti di Gery’s Anatomy».
Oggi (10.00-13.00 e 15.00-18.00) si terrà la maratona de “La Meglio Gioventù” alla presenza del regista Marco Tullio Giordana, nel ventennale dall’uscita, mentre martedì 13 settembre, alle 21, è prevista la prima mondiale del documentario “Siamo qui siamo vivi”, tratto dal libro di Roberto Mazzoli, prodotto da Arman Julian, diretto da Daniele Ceccarini e girato nel nostro territorio. Una storia vera, dove il protagonista, Alfredo Sarano, segretario della comunità ebraica di Milano salvò la vita a 14.000 ebrei milanesi nascondendo le liste con tutti i loro nomi dai rastrellamenti nazisti e fuggendo con la famiglia a Mombaroccio.

«Abbiamo scelto di girarlo nei luoghi dove si sono svolti realmente i fatti – spiega il regista Ceccarini - con testimonianze dei discendenti dei salvati e dei salvatori. La sceneggiatura si arricchisce della voce di alcuni sopravvissuti al bombardamento alleato che nel 1944 colpì il Beato Sante». La pellicola vede inoltre la partecipazione della senatrice Liliana Segre e di importanti nomi del mondo accademico come Gabriele Rigano. «Le vite di Alfredo Sarano e Erich Eder si sono solo sfiorate – prosegue Ceccarini - ma le loro scelte hanno creato qualcosa di miracoloso, rischiando entrambi la vita per compiere il bene, il giusto e salvare delle vite umane. Ho deciso di raccontare questa storia cercando di mettere in risalto la forza umana: saper scegliere il bene e come questa scelta possa fare la differenza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA