Federico Vespa confessa insieme al padre Bruno: «Ho sofferto di depressione e mia madre mi ha salvato la vita»

Federico Vespa confessa insieme al padre Bruno: «Ho sofferto di depressione e mia madre mi ha salvato la vita»
Federico Vespa confessa insieme al padre Bruno: «Ho sofferto di depressione e mia madre mi ha salvato la vita»
2 Minuti di Lettura
Domenica 22 Dicembre 2019, 16:29 - Ultimo aggiornamento: 16:49
Federico Vespa e Bruno Vespa ospiti da Mara Venier si raccontano nel loro rapporto padre figlio. Tutti e due si trovano in libreria con due libri e quando si parla di Federico Bruno Vespa ironizza sul fatto che il figlio sta andando molto bene in libreria, che ha fatto tutto senza che nessuno gli desse alcun consiglio, anzi, sottolinea, che i pochi che gli sono stati dati non sono stati poi seguiti.

LEGGI ANCHE:
La Nazionale gioca con la maglia verde, è polemica. Bruno Vespa: «Non si svende la storia»

Tra i due c'è un rapporto complicato, a volte, profondo, di grande affetto, ma anche conflittuale. Federico dedica il libro alla mamma "perché mi ha salvato la vita". «C'è stato un periodo della mia vita in cui non mi sentivo all'altezza, non mi sentivo accettato, mia mamma si è accorta di questa mia situazione e ho iniziato ad uscire con lei. Andavamo insieme al cinema, uscivamo io e lei». Mara poi fa notare che nel libro scrive che ha sofferto di depressione: «È stato un periodo brutto, ha fatto parte della mia vita ed è stato un lungo percorso».

Nel rapporto con Bruno Vespa il padre, quando Mara chiede se è stato un padre presente, specifica: «È sempre stato preso dal lavoro, ma ha avuto il coraggio di andare sempre a parlare con i miei insegnanti a scuola», ironizzando sul fatto che non era molto bravo a scuola. La Venier torna sulla depressione di Federico e chiede a Bruno se si era accorto di quel disagio: «Si, vedevo che non stava bene, ma devo dire che la vera depressione è alto, lui aveva una forma ansiosa, che lo ha portato a stare male, ma posso dire che ha avuto una forma lieve di depressione».
© RIPRODUZIONE RISERVATA