Farine per la pulizia green di corpo e viso, quelle di cereali le più consigliate. Ecco per quale motivo

Giovedì 29 Aprile 2021 di Federica Buroni
Le farine sono un ottimo detergente naturale

ANCONA - Tra allergie e secchezza, la pelle reclama. In piena primavera, con il risveglio della natura, c’è bisogno di pulizia. Ma che sia sana e senza chimica. Cosa usare allora? Le alternative ci sono e anche molto semplici, proprio a portata di casa. Sua maestà la Natura ci offre sempre una soluzione.

LEGGI ANCHE

Quattro punti di penalizzazione alla Samb e inibizione di sei mesi a Serafino per gli stipendi non pagati

Mille cactus rarissimi sequestrati ai trafficanti, ma qui rischiano di morire: riportati nel deserto del Cile

 

Per meglio individuarla, ecco Melissa Meglionaturale, l’esperta di cosmesi naturale: non ci sono intrugli da preparare ma solo la capacità molto elementare di mettere assieme i singoli pezzi del puzzle da cui poi creare il tutto. La sfida? Melissa riannoda i fili della matassa tanto per farci strada: «Oggi sono molto diffuse allergie e dermatiti da contatto. Una diffusione che sembra andare di pari passo con l’esplosione di detergenti sempre più aggressivi che hanno indebolito la nostra naturale barriera di protezione. Ecco perché è meglio imparare ad autoprodurre a casa il sapone utilizzando ingredienti semplici e genuini». Il rimedio erga omnes? Le farine. Ovvio.


Le farine
Ebbene, sì, le farine. Spiega Melissa: «Il loro utilizzo per la pulizia del viso e del corpo è antico ed è positivo sia per la salute sia per l’ambiente in quanto sostanze biodegradabili». Le principali da usare sono quelle di cereali come avena, grano saraceno e riso che contengono soprattutto amido e una piccola quota di materia grassa «in grado di emulsionare lo sporco lavandolo poi via con il risciacquo: la pelle resta pulita e levigata», quelle di semi e frutta secca. «Parliamo di farine di mandorle, cocco, sesamo e girasole – chiarisce l’esperta -; agiscono come quelle di cereali ma sono più delicate perché ricche di grassi simili al sebo». E poi ci sono le farine di legumi. «Ceci e lenticchie, in particolare, contengono tensioattivi naturali molto più delicati rispetto a quelli chimici; sono indicate specialmente per i capelli».


Tra quelle lavanti per viso e corpo, la farina di avena sale in pole position. «È delicata, lenitiva, adatta a tutti i tipi di pelle», spiega Melissa. E poi c’è quella di grano saraceno che «svolge un effetto scrub grazie alla presenza della crusca, il top dunque per una pulizia profonda una volta a settimana». E ancora, l’amido di riso, «indicato soprattutto per pelli sensibili e delicate». Quanto alle farine di mandorle e cocco, «levigano ma hanno un effetto scrub». Per una pulizia quotidiana del viso, con o senza demaquillage, «basta un cucchiaio di farina di avena o delle altre con un po’ di acqua tiepida»; per il corpo «per un bagno lenitivo, si può aggiungere 3-4 cucchiai di farina di avena nella vasca da bagno con qualche goccia di olio essenziale di lavanda. Si può usare anche la farina di ceci che però è meno gradevole da punto di vista olfattivo».

Per l’igiene intima, invece, «si può aggiungere un cucchiaio di amido di riso nell’acqua del bidet con qualche goccia di olio essenziale di lavanda, tea tree o palma rosa». Infine, per il bagnetto dei bimbi, niente di meglio che «aggiungere nell’acqua del bagnetto un cucchiaio di farina di avena o amido di riso: entrambi utili anche in caso di dermatiti e arrossamenti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA