Enzo Iacchetti si commuove per la mamma: «L'ho cercata nelle donne della mia vita, ma...»

Enzo Iacchetti e Vittoria Belvedere ospiti a Oggi è un altro giorno su Raiuno
Enzo Iacchetti e Vittoria Belvedere ospiti a “Oggi è un altro giorno” su Raiuno
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 9 Marzo 2022, 16:44

Enzo Iacchetti  a “Oggi è un altro giorno” su Raiuno. Enzo Iacchetti è stato ospite della trasmissione condotta da Serena Bortone assieme a Vittoria Belvedere, con cui è protagonista a teatro con la commedia “Bloccati dalla neve”.  

LEGGI ANCHE 

Grande Fratello Vip, Miriana Trevisan ha già "scaricato" Biagio D'Anelli? Lei si mostra sui social con il figlio

LEGGI ANCHE

Michelle Hunziker parla della separazione da Tomaso Trussardi: «Ho perdonato me e ho perdonato lui»

Enzo Iacchetti e Vittoria Belvedere ospiti a “Oggi è un altro giorno” su Raiuno

Enzo Iacchetti e Vittoria Belvedere a “Oggi è un altro giorno”

Enzo Iacchetti e Vittoria Belvedere ospiti a “Oggi è un altro giorno” di Serena Bortone su Raiuno. Enzo ha parlato della voglia che ha avuto fin da bambino di entrare nel mondo della spettacolo: «Dall’età di 9 anni fino a 39 – ha spiegato - ho fatto di tutto per fare questo mestiere, con grande perseveranza. Ero certo che ce l’avrei fatta, scappavo da chiunque mi dicesse di fare altro, a partire da mio padre Antonio che considerava quello dello spettacolo un brutto mondo. Voleva che studiassi, a volte mi nascondeva le chitarre che compravo con i soldi del mio lavoro».

Commosso il ricordo della mamma ormai scomparsa: «Papà non ha fatto in tempo a vedere il mio successo, ma mia mamma Maria è stata molto fiera di me fino a qualche anno fa. Mi manca molto, l’ho sempre amata e porto una sua foto quando sono in tournée. L’ho cercata nelle donne che ho incontrato nella mia vita ma non l’ho mai trovata, soprattutto la sua tenerezza e la capacità di perdonare».

Vittoria Belvedere, con una ricca carriera cinematografica e televisiva alle spalle, ha ricordato invece quando ha girato un film in Russia, durante gli anni di Mikhail Gorbaciov: «Ho un ricordo molto triste. Allora si pensava a qualcosa che migliorasse la situazione, ma in giro c’era ancora molta povertà e anche nei mercati c’erano diverse persone che, sebbene con grande dignità, chiedeva l’elemosina. Poi ho in mente la lunga fila davanti ai ristoranti, ma in coda c’erano soltanto i turisti e non i cittadini russi...».

© RIPRODUZIONE RISERVATA