Il caso Djokovic in una serie su Netflix: la troupe già al lavoro in Australia

La piattaforma streaming produrrà una docuserie simile a "Drive to survive", che racconterà i dietro le quinte del circuito tennistico

Il caso Djokovic in una serie su Netflix: la troupe già al lavoro da giorni in Australia
Il caso Djokovic in una serie su Netflix: la troupe già al lavoro da giorni in Australia
3 Minuti di Lettura
Giovedì 13 Gennaio 2022, 14:40

La storia di Novak Djokovic agli Australian Open 2022 diventerà una serie su Netflix. Il caso che sta colpendo il numero uno al mondo sarà parte integrante del documentario sul tennis che la piattaforma streaming ha già cominciato a girare. Secondo l'indiscrezione del "Daily Mail", la troupe sarebbe al lavoro da giorni e avrebbe già filmato molte scene inedite che sveleranno il dietro le quinte della vicenda.

L'idea di Netflix era realizzare una serie simile a "Drive to survive", che racconta il mondo della Formula 1 dall'interno. Nessuno della produzione aveva ovviamente previsto un evento del genere, ma adesso la docuserie potrebbe diventare una delle più attese

 

Il caso Djokovic diventa una serie Netflix

La serie sarà realizzata dalla Box To Box Films, con sede a Londra, e il produttore esecutivo è James Gay Rees, che ha realizzato anche quella sulla F1. Il successo di quest'ultima ha spinto i produttori a spostarsi sul tennis. La troupe seguira il circuito per tutta la stagione e racconterà ovviamente anche la storia del no vax più celebre del momento. La stessa casa di produzione ha realizzato un film sulla vita di Steven Gerrard e Cristiano Ronaldo. 

Della possibilità di girare una serie sul tennis aveva parlato prima di Natale Andy Murray. «Molte persone hanno parlato di Drive to Survive. Ho visto io stesso alcuni episodi, mi sono divertito e qualcosa del genere sarebbe davvero buono anche per il tennis» aveva detto. E' stato accontentato. 

Gli ultimi aggiornamenti

Intanto il caso Djokovic è ancora tutto da raccontare. Il rischio di espulsione dall'Australia è ancora alto, ma intanto ha ottenuto la possibilità di giocare al primo turno. Nei prossimi giorni il ministro dell'Immigrazione si pronuncerà sul caso, ma per il momento il giocatore resta nel tabellone del torneo, che inizierà lunedì prossimo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA