“Storm and drugs”, adesso è ufficiale: il tour di Dardust partirà da piazza del Popolo ad Ascoli il 19 giugno

Sabato 15 Maggio 2021 di Filippo Ferretti
Dario Faini in arte Dardust

ASCOLI - «Sono felicissimo di poter tornare a suonare dal vivo e di aprire nella mia città il tanto atteso tour». Con queste parole, il compositore, musicista e produttore Dario Faini in arte Dardust ha annunciato il ritorno ai concerti con il pubblico, ad un anno e mezzo di distanza temporale dall’uscita della sua ultima fatica, “Storm and drugs”, terzo capitolo di una trilogia avviata nel 2015 con “7”, disco di esordio scritto a Berlino e proseguita nel 2016 con “Birth”, ispirato all’Islanda.

Camila Raznovich sposa, le immagini del "sì" con l'imprenditore francese Loic Fleury a Milano

Regina Elisabetta, una bimba le scrive dopo la morte di Filippo: «Mi dispiace». E lei risponde con una cartolina

 
Il viaggio
Per realizzare questa terza incisione, il primo progetto discografico targato Dardust uscito sul mercato internazionale per Sony Music, l’artista ha viaggiato tra Londra ed Edimburgo, deciso a realizzare un album in grado di contaminare il clima pianistico minimalista di maestri quali Nils Frahm, Ólafur Arnalds e Ludovico Einaudi con le atmosfere d’ambiente ed elettronica di band quali Underworld e Chemical Brothers, insieme alle note del britannico Jon Hopkins. Un disco in cui tutto questo cresce emozionalmente puntando su una grande componente melodica. «La vera sfida era quella di portare questo tipo di musica strumentale ad un pubblico pop più ampio» rivela Faini, classe 1976 e reduce da due stagioni intensissime, che malgrado lo stop alle esecuzioni dal vivo non lo hanno visto rallentare neanche per un attimo, portandolo a firmare sia come autore che come produttore numerosi progetti pop di successo: come i singoli sanremesi di Madame e Irama, gli ultimi singoli di Mahmood, sino al duetto formato da Emma ed Alessandra Amoroso con il singolo “Pezzo di cuore”.


La promozione
Il percorso promozionale del nuovo disco in veste di Dardust, uscito all’inizio del 2020, era rimasto amputato dalla pandemia. Finalmente, arriva ora la tourneè di “Storm and drugs”, che pur essendo un’opera strumentale, vede anche l’introduzione di inserti vocali. Un lavoro sofferto, autobiografico, che nasce da alcune traversìe personali di Durdust, che negli ultimi anni ha dovuto abbandonare la sua abitazione di famiglia per colpa del terremoto e vedere soffrire il suo papà a causa della malattia terminale. Il titolo dell’album, parla della fine di una dipendenza affettiva. Ma il nuovo tour di “Dardust S.A.D. live”, sarà una vera e propria festa della rinascita.


Lo scenario
Per realizzarla, il sindaco di Ascoli, Marco Fioravanti, ha messo a disposizione lo scenario più bello della città, piazza del Popolo, che accoglierà l’esordio del giro dei concerti la sera del prossimo 19 giugno. Un esordio che verrà subito seguito da altre tappe, ed essere l’ 11 luglio a Roma presso la Cavea Auditorium Parco della Musica, il 13 luglio al “Flowers Festival” di Torino, il 16 luglio all’Anfiteatro del Vittoriale di Gardone Riviera, il 22 luglio a Carroponte di Milano e il 31 luglio di nuovo nelle Marche, al Parco Miralfiore di Pesaro. «Lo spettacolo sarà articolato in due atti: il primo sarà più intimo e dal taglio più teatrale, mentre il secondo attingerà alla parte più electro, trasformando lo show nel finale in una autentica atmosfera rave» spiega Dardust.

© RIPRODUZIONE RISERVATA