Pesaro dedica 14 incontri a Dante. Studiosi, lettori e musicisti a confronto sul Sommo Poeta

Mercoledì 12 Maggio 2021 di Elisabetta Marsigli
La mostra dedicata a Dante in corso a Pesaro

PESARO - Da 700 anni Dante è una fonte inesauribile di riflessione, dal pensiero politico a quello amoroso e religioso, dalla musicalità della parola alla musica stessa: il percorso di “A ragionar di Dante”, coordinato dalla direzione artistica di Lucia Ferrati, parte proprio da questi presupposti per declinare a 360° il ruolo della Divina Commedia, ma non solo, per la vicinanza di uno scritto che ancora affascina e stupisce per la sua modernità e l’attinenza con la nostra vita attuale.

Si siede sui binari e aspetta il treno per farla finita: salvato dai poliziotti

Prenotazione vaccini, caos nelle Regioni, modificato il piano. Pfizer e AstraZeneca, cosa cambia per i richiami

 

Il progetto pesarese, che prevede 14 incontri, per celebrare il mito (al contempo colto e popolare) e la sua multiforme, straordinaria personalità umana e artistica, attraverserà alcuni dei più bei luoghi del centro storico (le corti di Palazzo Montani Antaldi, Palazzo Mosca, Palazzo Mazzolari Mosca e Palazzo Almerici, gli Orti Giuli e il giardino della Biblioteca San Giovanni) e i due incantevoli borghi di Fiorenzuola di Focara e Novilara, ospitando studiosi, lettori e musicisti che daranno vita, ad un ritratto di Dante ragionando su vari aspetti, spesso insoliti e curiosi, dell’Alighieri.


I ritratti
«Dante si conferma un ‘patrimonio inesauribile’ di conoscenza, spunti, idee; - ha commentato l’assessore alla bellezza Daniele Vimini - lo conferma anche il successo della mostra allestita in Pescheria con le incisioni di Dalì e Rauschenberg e il lavoro di Claire Fontane, evento visitabile gratuitamente fino a 18 anni e dunque opportunità ghiotta per un approfondimento dantesco a vantaggio degli studenti». Dopo la straordinaria e commovente lectio magistralis del poeta pesarese Gianni D’Elia, il percorso toccherà vari aspetti dell’opera dantesca, tra questi: il 19 maggio, la musicologa Maria Chiara Mazzi approfondirà la musica della poesia dantesca, con canzoni del suo tempo, in collaborazione con il Conservatorio Rossini; Enrico Capodaglio (26/5) parlerà del Dante “naturalista”, per la sua innata passione per piante e animali, così presenti nei sui versi. Alberto Casadei, uno dei lettori danteschi del momento, racconterà come la realtà aumentata si rifà a Dante, e come nessuna arte può esimere dal poeta anche nei più noti slogan moderni (16/6). Altro aspetto interessante è il dialogo religioso: il 7 luglio, alle 21, nel giardino della Biblioteca San Giovanni, il filosofo e scrittore Alessandro Pertosa affronterà questo tema spinoso, con la partecipazione di Frida Neri e Anissa Gouzi canto e strumenti, e le voci recitanti di Giulia Bellucci e Mounya Alalli.

Non poteva mancare una degustazione ad hoc, dati i tantissimi riferimenti al cibo e alle bevande: il 21 luglio, Nicoletta Tagliabracci, ambasciatrice enogastronimica marchigiana, racconterà del cibo ai tempi di Dante, con una degustazione del Liquor d’ulivi. L’arte di pittori e illustratori della Divina Commedia sarà il tema dell’incontro con il critico d’arte Rodolfo Battistini (4/8), mentre la suggestiva immagine della rassegna è del pittore Giuliano Del Sorbo. Sarà Luciano Canfora, a ottobre, a concludere la rassegna con la sua prestigiosa lectio magistralis. L’elenco degli incontri, a ingresso gratuito, si trova sul sito del Comune di Pesaro e su quello dell’Università dell’età libera, partner del progetto insieme alla Presidenza del Consiglio, dell’Assemblea Legislativa delle Marche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA