Carla Fracci, l'ultimo saluto alla grande ballerina: il feretro arrivato alla Scala tra gli applausi della gente

Venerdì 28 Maggio 2021
Carla Fracci

 

MILANO - E' stata aperta la camera ardente al Teatro alla Scala di Milano per l'ultimo saluto a Carla Fracci. Pochi minuti prima è arrivato il feretro della grande ballerina. Un centinaio di persone in piazza della Scala l'hanno salutata con un applauso. Ad accogliere il feretro ci sono in sindaco di Milano, Giuseppe Sala, il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, il sovrintendente della Scala, Dominique Meyer, e il direttore musicale Riccardo Chailly. Nel foyer del Piermarini, dove l'accesso sarà contingentato, sono presenti delegazioni del corpo di ballo, degli allievi dell'Accademia della Scala, la famiglia e il personale della Fondazione. 

LEGGI ANCHE:

Carla Fracci, i ricordi delle Marche: «Quella volta che rischiò di perdere una borsa di gioielli»

 

Un lungo applauso ha accolto il feretro anche dentro il foyer, da parte del corpo di ballo del teatro, degli alunni dell'Accademia, del personale della Fondazione, presenti il direttore del corpo di ballo, Manuel Legris, il direttore musicale Riccardo Chailky. La bara, ricoperta di rose bianche, è entrata nel foyer accompagnata dalla musica di un quartetto. Sulla sinistra del feretro, allestito dentro il foyer della Scala, sono state disposte alcune sedie per la famiglia di Carla Fracci: oltre al marito e al figlio, è presente la sorella e i nipoti. Il quartetto ha suonato per la grande ètoile i brani Crisantemi di Puccini e poi un adagio di Mozart, Adagio dal quartetto con clarinetto. Dopo la musica tutti in sala hanno osservato un minuto di silenzio. Dalle 12 la camera ardente è stata aperta anche al he al pubblico in attesa fuori dal teatro. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA